Connect with us

Dialoghi

DIALOGHI | Lo psicologo di domani: dialogo con Marco Inghilleri

The following two tabs change content below.
Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole. Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management. Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti. Da Febbraio 2014 sono Presidente dell'Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all'interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

DIALOGHI | Lo psicologo di domani: dialogo con Marco Inghilleri

Marco, dal tuo osservatorio, come immagini lo psicologo di domani?

Sostanzialmente, Alessandro, credo che poco cambierà nel futuro e che la psicologia, scienza senza oggetto, continuerà, come indicato dalla sua storia, a ricoprire un ruolo essenzialmente normativo, cioè valoriale. E’ noto come, in qualsiasi settore della scienza, ad un insieme di dati sia sempre possibile sovrapporre più di una costruzione teorica. Poiché in psicologia nessuna spiegazione risolve mai tutti i problemi relativi ad un dato argomento, è spontaneo porre l’interrogativo circa quali tipi di problemi siano più importanti da risolvere e quale funzione possano poi svolgere le spiegazioni prescelte. La questione dei valori viene così ad essere scoperta a monte di qualsiasi discorso scientifico.

Nonostante ciò, le formulazioni teoriche che riguardano i “settori” caldi della psicologia, cioè educativi, terapeutici, sociali, ecc.. che ruotano intorno al problema della personalità, continuano a rimanere arroccate al mito della conoscenza oggettiva e a-valutativa. In effetti non si riflette abbastanza sul fatto che i valori rappresentano una parte costitutiva di tutte le conoscenze intorno all’uomo, negarne l’evidenza significa sottoscrivere, attraverso l’ideologia fatta scienza, i valori dominanti; cosicché ogni dichiarazione di neutralità diventa un’affermazione di consenso ad una data visione del mondo, ritenuta eterna e immodificabile.

Lo stesso Freud ha creduto che la sua scienza, a similitudine del modo di pensare del suo tempo, fosse la vera ed unica analisi della psiche. Ma gli psicoanalisti che sono disposti a rischiare la propria ortodossia, riconoscono che il loro sapere è condizionato e reso unilaterale e, come ogni altro, contiene una serie di scelte di valore conformi ad una determinata visione della realtà. Per cui si può dire che la prospettiva dell’analisi cambia se il suo modello non è quello astratto di “armonia interiore” ma in origine è sociale. In altri termini la psicologia deve tener presente che il dato in analisi è un dato di valore; che come tale esso non potrà mai essere analizzato in parametri estranei alle dimensioni che strutturano il valore stesso.

Nasce quindi la domanda se sia auspicabile e possibile che gli psicologi considerino come relativi i propri valori. La risposta è sì. Infatti, per quanto scientificamente validi (attendibili e verificabili) possano dimostrarsi i risultati di una ricerca o di una costruzione teorica, tale validità oggettiva non si ripercuote sui valori che muovono gli intenti conoscitivi e soprattutto gli interventi, cioè sull’impiego del sapere psicologico. Il ricercatore, il clinico, possono preferire determinati valori perché appaiono migliori, non perché sono più certi. Da cui consegue che l’oggettività metodologica viene ad essere utilizzata, quand’anche non fosse già un valore, entro le opzioni dello scienziato o del tecnico e quindi della loro società e non viceversa.

Ogni atto teorico e pratico è condizionato, non solo dalla scelta dei problemi, ma anche dalle categorie concettuali e linguistiche con le quali risolverlo. Un metodo empirico-analitico produce soltanto sapere valorizzabile tecnicamente in un quadro precostituito. Ciò significa che qualsiasi scopo scientifico riceve l’indicazione del fine ed assume valore solo all’interno di un ordine sociale verso cui tale fine è diretto. Si può quindi affermare che se i giudizi di valore non facessero parte della struttura della scienza, farebbero comunque parte del motivo della sua produzione. Questo perché la scienza non è sola forza produttiva sociale, ma è anche rapporto sociale di produzione. Perciò non si può parlare di una scienza assolutamente oggettiva, cioè estranea ai valori ed alle scelte che la determinano.

Le stesse condizioni del conoscere variano a seconda delle condizioni in cui si esplica il ruolo dello psicologo, cioè in relazione alle aspettative ed ai fini che il suo atto conoscitivo deve perseguire, ossia secondo le indicazioni istituzionali ed i valori egemoni. La scienza dell’uomo è mossa molte volte dall’idea dell’esistenza di leggi statiche, di una realtà di fatto, senza tenere conto che non esiste una realtà definita una volta per tutte. Difatti il soggetto con cui si è in rapporto (che non è mai un oggetto) è impegnato in una continua trasformazione di se stesso nel momento che interagisce con la realtà che lo circonda.

Le misurazioni, le osservazioni, che lo psicologo esegue sulla persona non riflettono il dato dell’esperienza, ma ciò che è presupposto come tale sulla base di un paradigma teorico, metodologico e tramite un’azione strumentale. Tale forma d’approccio alla situazione dell’altro comporta certe operazioni mentali, che finiscono per porre in risalto e ritagliare una realtà che può essere lontanissima dall’esperienza immediata da cui deriva. Anche il linguaggio non può riferire il “dato” in maniera neutrale ed obiettiva in quanto utilizza un linguaggio appreso per descrivere il mondo degli uomini conosciuto in anticipo. Mondo predefinito da certe operazioni logico-linguistiche e metodologiche che sono sempre degli apriori. Inoltre l’infrastruttura linguistica utilizzata nel momento scientifico non è un qualcosa di diverso dalla società che l’ha prodotta, e come tale contiene una motivazione ed un orientamento all’azione conoscitiva che è di per sé un valore.

Ora è certo che nel campo degli studi sulla personalità, quanto più gli psicologi diventano abili nel classificare i tratti, gli atteggiamenti, le motivazioni, le azioni ecc.., congelandoli entro espressioni presunte obiettive, tanto meno SVILUPPANO LA LORO COSCIENZA CRITICA verso la natura e la funzione di un dato sapere e quindi intorno ad una effettiva consapevolezza dei bisogni degli uomini; da cui la loro inserzione nel mondo non come agenti dell’emancipazione, ma come scienziati burocrati, che convalidano un certo modo sociale ed istituzionale di definire e concepire l’individuo, prestabilendo quindi, secondo una ideologia dello statu-quo, il suo modo di essere nel mondo. Le teorizzazioni sulla personalità, lungi dall’essere avalutative hanno finito sempre per radicare nella psicologia l’egemonia di un dato modo di considerare la realtà psicologica dell’individuo.

Cioè impedendo di leggere e capire le azioni, le motivazioni, le idee, i sentimenti dell’uomo in relazione ad una interazione sociale storicamente e politicamente agente sulla personalità, negando quindi la possibilità di riconoscere nella dinamica psichica e comportamentale dell’individuo l’influenza del dato organizzativo della società, ma spiegandola secondo leggi “naturali” di funzionamento. La consapevolezza critica che qualsiasi riflessione scientifica centrata sull’uomo, in effetti, trascina dei valori amalgamandoli come fatti con l’atto conoscitivo, deve essere particolarmente presente nello scienziato sociale.

Soltanto una tale consapevolezza è garanzia per una psicologia che non voglia rimanere prigioniera della razionalità dei propri strumenti. Contemplazione sacrale della scientificità, nella presunzione che la razionalità del mezzo contenga la capacità di sapere indicare dei fini. La maggioranza degli uomini si attacca all’illusione che la conoscenza debba fornire anche le norme per l’azione, e trasferisce quindi la dignità della conoscenza stessa, come se gli scopi dell’etica o della pedagogia si potessero dimostrare “giusti” per il fatto che, per realizzarli, ci si lascia guidare da conoscenze “giuste”.
Ad un tale rischio sembrano oggi essere esposte le scienze sociali, in quanto tecnologie in voga per l’amministrazione degli uomini e mezzi di razionalizzazione del controllo sociale. Finiti i tempi in cui psicologi, sociologi, psichiatri, antropologi, potevano non porsi con immediatezza tali problemi e responsabilità dietro l’alibi di una scienza che come sosteneva Peirce, era etica di per sè. Anche per gli scienziati sociali, alla stregua di quelli fisici, è giunto il momento di interrogarsi ed assumersi la responsabilità ed il peso del tempo storico che contribuiscono a costruire.
Se è vero che non ci può essere scienza senza uomini e fuori dalla storia, a maggior ragione non ci può essere una psicologia (che è scienza DI e PER gli uomini) avulsa dalla loro concreta realtà.
Una psicologia della personalità in senso naturalistico (biotipologica, istintualista, behaviorista, organicista, psicometrica, ecc..) anzichè ermeneutica e critico-dialettica, suona come l’affermazione di un uomo astratto, meccanico, isolato, senza legami con la società e senza responsabilità verso di essa. Cioè l’affermazione di un mondo senza uomini.
Il ruolo di una siffatta psicologia è quello di partecipare al calcolo delle strutture di una realtà, che la scienza e la tecnica hanno preparato a somiglianza delle ideologie tendenti a legittimare le nuove forme di potere e di controllo.
Scopo di una PSICOLOGIA CRITICA è invece l’emancipazione sociale, ovvero la liberazione del soggetto dalla realtà diventata potenza subordinata al calcolo. Non confondere quindi l’uomo che emerge da questa realtà come l’unica e naturale manifestazione umana, anche perché lo strumento teorico e metodologico utilizzato dallo psicologo può far parte di questa realtà e svolgervi un lavoro (inconsapevole) di legittimazione e conferma.
Il postulato valoriale di una scienza dell’uomo è che essa si configuri, a priori, come uno strumento critico contro l’ordine apparente del sapere, cosicché la psicologia possa disporsi verso il suo antico oggetto, finalmente divenuto soggetto, partendo da un interesse gnoseologico di emancipazione.
Fare della teoria scientifica in senso critico, comporta sempre un chiarimento preliminare capace di suggerire il senso ed il perché di una tale attività. Perciò teorizzare in tale modo implica per lo psicologo un atteggiamento critico che, unito a quello conoscitivo, sia in grado di esprimersi a favore e nell’interesse della gente. Persone quindi viste non come astratte portatrici di una natura umana, ma protagoniste di determinate vicende biografiche all’interno di una situazione storica e sociale.

Perciò maturazione di un conoscere che trovi la sua giusta validazione nel confronto con i bisogni che tale realtà manifesta.. Cioè in quello spazio rappresentato dal mondo interno ed esterno dell’uomo, la cui interazione problematica è il campo di indagine ed intervento dello psicologo. Spazio a cui compete testimoniare e verificare la bontà delle proposizioni adottate dallo psicologo, in relazione alla loro capacità di incidere sul sociale svelando la vera natura dei problemi. Ma questa sarebbe una pura enunciazione di principio se non si riconoscesse che l’atto di “capire scientificamente” dello psicologo è già prestabilito nel suo mandato sociale. Cioè in quel ruolo la cui sopravvivenza è resa possibile a patto che condivida la realtà che giustifica la sua IDENTITA’ PROFESSIONALE.

In altre parole lo psicologo è nella condizione, per esempio, di non poter rinunciare a certi miti scientifici autolegittimanti il proprio ruolo, nel contesto di una società favorevole al concetto di “malattia mentale” o del “disadattamento” come giustificazione della diversità sociale. Lo psicologo, portatore di determinate convinzioni su cosa sia e come funzioni la personalità umana, se delegato istituzionalmente ad interpretare il “linguaggio della devianza”, lo fa impossessandosi delle espressioni di tale personalità e le traduce secondo parametri di una conoscenza ideologica e non preventivamente sottoposta a verifica critica. Tipo di conoscenza che il più delle volte ha codificato risposte e definizioni atte a negare i bisogni e le contraddizioni di cui il soggetto è portatore. Bloccando così, anche a livello interpretativo, tutto il processo interpersonale ed esperienziale, deviando l’attenzione sulla psiche dell’individuo, sui suoi gesti, sui dati dei test, ecc.. Cosicché il linguaggio dello psicologo si viene a declinare come una conoscenza che ha sviluppato la propria teoria secondo le aspettative di chi detiene il potere, cioè entro una cornice ideologica alle cui richieste di razionalizzazione egli risponde. A maggior chiarimento si può dire che le operazioni ed i settori di conoscenza vengono predisposti già dalla domanda sociale, che indica allo psicologo certe strade d’accesso che finiscono per condurre a determinate spiegazioni anziché ad altre. Ciò con il risultato di svuotare il linguaggio dei bisogni di ogni contenuto contrario all’ordine esistente.

Per esempio gli psicologi che operano in istituzioni come la scuola sono chiamati ad intervenire ad un crocevia di situazioni in cui i problemi dei singoli ragazzi finiscono per rivelarsi prigionieri di quelli di natura ideologica, economica, culturale ecc.., all’interno di una particolare struttura, che è quella scolastica. Tali operatori si trovano quindi coinvolti nella gestione di spazi che non riconoscono ed alla cui trattazione possono sentirsi estranei. Ma la constatazione è di essere dei tecnici il cui profilo professionale è funzionale alle richieste dell’istituzione e di esercitare per essa un ruolo di legittimazione attestante la normalità delle sue richieste, rispetto ai comportamenti non conformi. Tale constatazione è un momento di crisi. Presa di coscienza che porta lo psicologo a scoprire che il giudizio emesso sulla personalità del ragazzo, non solo viene richiesto all’interno di una cornice normativa prestabilita, ma obbliga l’operatore a condividere la bontà di tale richiesta partecipando, per il solo fatto di esistere come ruolo, ad obiettivare la realtà del ragazzo diverso, secondo una prassi che corrisponde a esigenze stigmatizzanti collegate con il venir meno di un adattamento scolastico. Cioè di una norma istituzionale per eccellenza.

La prassi dello psicologo nei suoi rapporti con gli uomini è sempre sostenuta, non solo da una o più teorie sulla personalità, ma anche dal suo ruolo e dalle attese pubbliche connesse con tale ruolo. Lo psicologo criticamente orientato deve quindi essere consapevole che la persona che gli sta davanti non può testimoniargli se stessa e la sua realtà, se non per quella parte consentitagli dallo schema teorico impiegato e dalla reciproca collocazione istituzionale o di ruolo. Ecco qui che si delinea il fatto che qualsiasi riflessione sulla personalità non si esaurisce in un atto meramente teorico e tecnico al riparo di una presunta neutralità, ma si estende alle implicazioni sociologiche dell’azione conoscitiva, che in primo luogo è una azione di potere, ideologicamente orientata. Ciò perché la prassi dello psicologo acquista significato negativo o positivo solo in riferimento all’interesse che esso tutela.

La conoscenza intorno alla personalità come dato ideologico, scientificizzato per tramite dello psicologo, dello psichiatra, del pedagogista, ecc.. può diventare un mezzo di indottrinamento, controllo e manipolazione attraverso tre tendenze negative che caratterizzano l’intervento e la funzione sociale di questi operatori, cioè: 1. trasformazione dei problemi sociali, dalla loro natura economica e politica, in problemi di soluzioni tecniche o professionali; 2. indicazione di un’etica la cui saggezza, normalità ed equilibrio viene a coincidere scientificamente con le prescrizioni psicologiche. Tutto ciò in vista di una integrazione ottimale, che spalanca all’immagine di un sempre più vasto numero di persone, consensualizzate fin nelle sfumature emotive, alle condizioni oggettive dell’organizzazione predominante. 3. imperativo della salute e della normalità che attraverso la teorizzazione della personalità matura ed integrata acquista una sacralizzazione ed un valore feticistico, divenendo così un fattore di ricatto da cui non è possibile sottrarsi in quanto interiorizzato come prerequisito di efficienza e capacità produttiva. Mito della normalità che sempre di più permea la condizione dell’uomo occidentale, al quale sembra non venir più consentita la possibilità di avere fantasie e razioni difformi da quelle utilizzabili nella catena di riproduzione della macchina sociale. E ove le abbia, quale conseguenza delle contraddizioni sociali, sia costretto a sperimentarle come colpa privata.

Queste osservazioni suggeriscono una serie di considerazioni riguardo ad ogni elaborazione teorica che deve trovare una sua giustificazione preventiva nella prassi, cioè: orientamento nello studio della personalità come fatto sociale, ovvero secondo le esigenze emergenti dalla problematica reale in maniera che lo psicologo possa porsi di fronte al suo vero committente, cioè la situazione di disagio dell’uomo sociale, a cui offrire non solo delle soluzioni individuali, ma svelando le linee di un’azione sociale e politica. Ciò con la piena consapevolezza che l’origine collettiva, storica, economica, ecc.., di tale disagio non deve avallare piatti determinismi, facendoci quindi dimenticare l’unicità e la irripetibilità dell’esperienza individuale, cioè di quella soggettività che deve essere difesa da ogni manipolazione conformistico-maggioritaria;orientamento della ricerca-intervento dello psicologo nella esplorazione delle alternative per uno sviluppo della personalità dell’uomo, passando attraverso l’esame e la trasformazione delle sue matrici ambientali, senza peraltro prefigurare aprioristicamente come modelli ideali e quindi come nuovi strumenti conoscitivamente coercitivi.

Da cui un atteggiamento costantemente critico e diffidente verso le operazioni di “ingegneria sociale” che, in omaggio alla scienza psicologica, vogliono tradursi in progetti pedagogici di massa. Orientamento a favore di una conoscenza dell’uomo che abbia una funzione innovativa e non di controllo; che si ponga criticamente verso qualsiasi chiusura del discorso fatta da teorie che manifestino la funzione latente di conservare la condizione umana esistente, congelandola nel proprio schema spiegativo. Ciò tenuto conto che quanto più un soggetto sociale è interessato a generare profonde trasformazioni nel tessuto della società, tanto più necessaria diventa l’assunzione di un punto di vista critico e fondamento dell’analisi che esso esprime, mentre, al contrario, quanto più un soggetto sociale è interessato a non modificare la realtà, tanto più la sua analisi sarà “neutrale”, o al limite “apologetica”

– Cosa sta cambiando nella modo di svolgere la professione?

La preparazione sempre è più scadente.  L’Università ha poco chiaro il fatto che le competenze necessarie allo psicologo non sono più quelle che si sono coagulate in società più stabili e meno “liquide”, per dirla alla Zygmunt Bauman. Abbiamo infatti bisogno, oggi, di conoscenze che siano soprattutto antropologiche, sociali,  storiche, ermeneutiche e semeiotiche. Vorrei citare un pensiero molto suggestivo della Prof.ssa Maria Armezzani dell’Università di Padova: “Invece che solidificare le proprie conoscenze teoriche e tecniche, il clinico dovrebbe esercitarsi a continue dislocazioni prospettiche. E può farlo solo se è consapevole, autoriflessivamente, del proprio sistema di costruzioni personali e professionali, solo se può vedere la sua posizione di osservatore mentre accosta la multiformità delle teorie e delle esperienze. Non si tratta, quindi, solo di avere quella generica capacità di ascolto richiesta oramai da tutti i modelli clinici, ma di sviluppare una specifica abilità professionale che consiste, più che nell’uso di ciò che si sa, nell’uso di ciò che si è. In questo senso, si può dire che la formazione è una “messa in forma” professionale di un atteggiamento conoscitivo e relazionale che richiede una continua trasformazione personale. Non si può aiutare l’altro a riconoscere il proprio “stile” se non si possiede, in prima persona, uno stile di cui si è consapevoli. Non si può aiutare l’altro a pensare le possibilità se non si è, in prima persona, pensatori del possibile”.

– Quali bisogni vedi nelle persone che incontri come psicologo, e come sono cambiati in questi anni?

Beh, è una domanda assai ampia. Semplificando al massimo posso tranquillamente sostenere che le problematiche che incontro nel mio lavoro di psicoterapeuta si sono modificate in coerenza ad una aumentata complessità delle nostre società divenute sempre più multiculturali e multietniche e dalla perdita di riferimenti delle medesime.

– Ognuno ha dei punti di riferimento. Quali sono i tuoi a livello professionale?

A me non piace nessun modello psicoterapeutico che sia direttivo, ossia che abbia nelle sue regole di “setting” un modo di costruire la relazione con la persona gerarchico, autoritario e di potere (fosse anche quello del sapere). Per molto tempo, ho ritenuto che il termine psicoterapia fosse un ossimoro professionale, in quanto “cura” della psiche, che in sostanza è una costruzione sociale e personale di ciò che riteniamo essere la Mente. Attualmente, non ritengo più la pratica della psicoterapia una delle tante antinomie presenti nelle scienze psicologiche, al contrario ritengo che l’unico senso che possa in un certo qual modo avere la psicoterapia, riguardi l’intervento sui processi di alienazione che caratterizzano il nostro tempo, le nostre società e la nostra cultura, interiorizzati in modo assolutamente personale da ciascun individuo ( nessuno escluso). La psicoterapia altro scopo non può avere se non quello di restituire alla persona l’esclusiva proprietà di se stessa. Citando Max Stirner: “Solo quando sono sicuro di me e non vado più in cerca di me stesso, sono veramente mia proprietà: io ho me stesso, per questo faccio uso e godo di me. Io non posso mai rallegrarmi di me, invece, finché penso che devo ancora trovare il mio vero io e che chi vive in me non sono io, ma è […] cioè qualche fantasma. (da L’unico e la sua proprietà)”

– Mi dici un libro che si dovrebbe assolutamente leggere?

Vorrei proporre una riflessione su un tema che parte dal titolo di un bellissimo libro di Sheldon Kopp, uno psicoterapeuta americano scomparso nel 1999 e che ci ha lasciato in eredità questo testo che trovo ancor oggi, quando lo riprendo in mano, pieno di stimoli attualissimi.

“Se incontri il Buddha per la strada uccidilo”, ci fa entrare in quello strano paradosso per cui da un lato cerchiamo in un’autorità esterna (lo psicoterapeuta, il guru, il filosofo, ecc.) la via d’uscita ai nostri disagi esistenziali e alla nostra ricerca di senso nella vita; dall’altro prima o poi siamo costretti a prendere atto che quella via d’uscita non la conosce nessuno al di fuori di noi, di conseguenza la soluzione sta nel riconoscere che l’autorità che stiamo cercando siamo noi stessi.
Allora, dirà qualcuno, è inutile cercare consiglio o affidarsi all’aiuto di questi personaggi, più o meno carismatici, che sembrano star lì apposta per indicarci la via?
E’ un po’ come per il cammino dell’individuo dall’infanzia alla maturità. Le persone adulte più autonome e indipendenti (non nel senso che non hanno bisogno di nessuno, ma nel senso che sanno stare in piedi sulle proprie gambe) in genere sono quelle che hanno potuto godere di un’infanzia nella quale hanno sperimentato la totale dipendenza, almeno nei primi anni, dalle loro figure genitoriali o di qualche adulto significativo. Chi non ha fatto questa esperienza (perchè cresciuto nella trascuratezza o nell’assenza di punti di riferimento) certo è cresciuto lo stesso, anzi avrà forse imparato a cavarsela da solo, ma il suo bisogno di dipendenza sarà probabilmente soltanto rimosso, inibito, colpevolizzato. Vivrà quindi la sua (preziosissima) pseudo-autonomia come il suo unico schema relazionale possibile, in quanto l’accesso alla dipendenza gli resterà precluso o comunque molto problematico perché carico di angosce abbandoniche e persecutorie).
Voglio dire, in altri termini, che nessuno penserà mai che si possa diventare indipendenti senza essere stati “dipendenti” da qualcuno che ci ha aiutato a crescere. Allo stesso modo non penso che sia inutile l’aiuto che a volte chiediamo ai personaggi (più o meno autorevoli) che ho citato prima. Ritengo che ciò che conta sia l’atteggiamento di fondo che ci deve guidare: non saranno, cioè, i nostri guru o psicoterapeuti o filosofi (cosi come non lo sono stati i nostri genitori) a darci la libertà o a svelarci il segreto della felicità. Come i nostri genitori, essi (se svolgono con correttezza e competenza il loro compito) ci possono aiutare a ri-scoprire dentro di noi gli strumenti che ci potranno permettere di trovare da soli la nostra strada. E sebbene all’inizio della relazione che instauriamo con questi personaggi sia forse inevitabile un po’ d’idealizzazione, per poterci fidare e riporre in loro qualche ottimistica aspettativa di cambiamento, anche il ricordare ogni tanto che “l’unico Buddha sta dentro di noi” ci potrà aiutare ad assumerci la nostra parte di responsabilità nel cammino alla ricerca del “nostro” senso della vita.
Ma questo è solo ciò che pensa il sottoscritto. Mi sembra comunque un tema attualissimo, visti i tempi che viviamo, in cui dilaga ogni genere di populismo, facendoci pensare a quanto sia profondo e diffuso, tra la gente, il bisogno di credere in qualcuno cui affidare (anche troppo ciecamente…) il proprio destino e persino la responsabilità di pensare con la propria testa e decidere per la propria vita. Qualcuno che indichi la via e proponga la ricetta della felicità, magari attraverso promesse a buon mercato come l’abolizione di qualche tassa, o attraverso la negazione della stessa realtà, quando questa diventa scomoda da spiegare a causa dei problemi e delle difficoltà dell’esistenza, e smentisce proprio quelle stesse promesse di felicità senza le quali sembra difficile dare un senso al vivere…

Stephen J. Gould, biologo e storico della scienza, ha scritto: “La Vita non ha Senso. A noi il compito di dargliene uno”. Mi sembra che questa affermazione riassuma molto bene buona parte del pensiero di Kopp.

Qui sotto riporto “l’elenco della biancheria”, come lo definiva lo stesso S. Kopp alla fine del suo libro. Mi sembra un prezioso elenco di “perle” su cui vale la pena, ogni tanto, soffermarsi a meditare un po’…

1) E’ tutto qui
2) Non ci sono significati reconditi
3) Non puoi arrivarci da qui, e inoltre non c’è alcun altro posto dove andare
4) Siamo tutti già moribondi, e saremo morti per molto tempo
5) Nulla dura per sempre
6) Non c’è alcun modo per ottenere tutto ciò che si vuole
7) Non puoi aver nulla a meno che non lasci la presa
8) Puoi conservare soltanto ciò che dai via
9) Non c’è alcuna ragione particolare per cui non hai ricevuto alcune cose
10) Il mondo non è necessariamente giusto. L’essere buoni spesso non viene ricompensato e non c’è alcuna ricompensa per la sventura
11) Nondimeno hai la responsabilità di fare del tuo meglio
12) E’ un universo casuale a cui non apportiamo significato
13) In realtà non controlli nulla
14) Non puoi costringere nessuno ad amarti
15) Nessuno è più forte o più debole di te
16) Tutti sono, a modo proprio, vulnerabili
17) Non ci sono grandi uomini
18) Se hai un eroe, dagli un altro sguardo: in qualche modo hai diminuito te stesso
19) Tutti mentono, ingannano, fingono (sì anche tu, e certamente io).
20) Tutto il male costituisce una vitalità potenziale bisognosca di trasformazione
21) Ogni parte di te ha il suo valore, se solo l’accetti
22) Il progresso è un’illusione
23) Il male può essere spostato ma mai cancellato, dal momento che tutte le soluzioni generano nuovi problemi
24) Tuttavia è necessario continuare a lottare verso una soluzione
25) L’infanzia è un incubo
26) Ma è così difficile essere un adulto indipendente, autosufficiente, consapevole di dover badare a se stesso perché non c’è nessun altro a farlo
27) Ciascuno di noi è in definitiva solo
28) Le cose più importanti, ciascun uomo deve farle da sé
29) L’amore non basta. ma certamente aiuta
30) Abbiamo soltanto noi stessi, e la fratellanza che ci unisce gli uni agli altri
31) Che strano che tanto spesso, tutto sembri valer la pena
32) Dobbiamo vivere nell’ambiguità di una libertà parziale, di un potere parziale e di una conoscenza parziale
33) Tutte le decisioni importanti devono essere prese sulla base di dati insufficienti
34) Tuttavia siamo tutti responsabili dei nostri atti
35) Nessuna scusa sarà accettata
36) Puoi fuggire, ma non puoi nasconderti
37) E’ importantissimo trovarsi senza più capri espiatori
38) Dobbiamo imparare la forza di vivere con la nostra impotenza
39) L’unica vittoria importante sta nell’arrendersi a se stessi
40) Tutte le battaglie significative vengono combattute all’interno del sé
41) Sei libero di fare qualunque cosa vuoi. Devi soltanto affrontarne le conseguenze
42) Cosa sai… con sicurezza… ad ogni modo?
43) Impara a perdonare te stesso, più e più e più e più volte…

Marco Inghilleri Bio – http://www.interattivamente.org/

Sono psicologo, psicoterapeuta sessuologo . Mi sono laureato presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Padova e iscritto all’Ordine degli Psicologi del Veneto con il n. 3973.

Attualmente sono il direttore di InterattivaMente: Centro di Psicologia giuridica – Sessuologia clinica – Psicoterapia di Padova, fondato con altri Colleghi con lo scopo di approfondire lo studio  dell’ efficacia dei modelli psicoterapeutici più recenti (interazionismo simbolico, costruzionismo sociale, narrativismo, costruttivismo, approccio strategico-breve), integrandoli, là dove possibile e richiesto, con quelli della clinica più tradizionale.

Opero prevalentemente in ambito psicoterapeutico, in qualità di libero professionista. Mi occupo del trattamento di problemi quali: ansia, fobie, attacchi di panico, depressione, disturbi ossessivo-compulsivi, disagio esistenziale, disturbi psicosomatici e dismorfobia.

Le ulteriori aree di consulenza e trattamento riguardano le problematiche della sessualità e dei disturbi sessuali (quali ad esempio la disfunzione erettile, i disturbi del desiderio, l’anorgasmia, il vaginismo, la dispareunia, la dipendenza sessuale e le sessualità atipiche) e le problematiche  della vita di coppia, della vita affettiva e relazionale.

Da molti anni mi interesso di problemi riguardanti l’orientamento sessuale, l’omofobia internalizzata e l’identità di genere (transessualità), sia come psicoterapeuta, sia collaborando con la facoltà di sociologia dell’Università degli Studi Milano-Bicocca.

Ti potrebbe interessare

Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole. Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management. Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti. Da Febbraio 2014 sono Presidente dell'Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all'interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dialoghi

Dialoghi sulla professione. Tra l’essere e il fare, lo psicologo che sarà. Dialogo con Pietro Barbetta

The following two tabs change content below.
Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole. Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management. Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti. Da Febbraio 2014 sono Presidente dell'Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all'interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

 

Pietro, dal tuo osservatorio, come immagini lo psicologo di domani?

Immagino una donna, un uomo colto, un intellettuale che frequenta la letteratura, l’arte, il teatro, la filosofia. Che conosce, almeno intuitivamente, i fondamenti matematici della statistica (numeri reali, numeri complessi o immaginari, per esempio) in modo da usarla solo in caso di necessità, mai per dimostrare un’ipotesi, sempre per falsificarla. Immagino un’università diversa, che non ti insegna i test senza prima insegnarti il loro senso e le possibili applicazioni in clinica e in altri ambiti, un’università che ti insegna l’epistemologia, che fa di te un intellettuale, non uno strizzacervelli o un tecnico assoggettato a saperi altri, che guarda con interesse all’evidence based senza farne un idolo. Che conosce il sociale, che pensa le psicosi, le nevrosi, gli altri disturbi in maniera diversa dalla medicina, che dà loro una dimensione storico-sociale. Insomma una persona che può collaborare, senza assoggettarsi, con uno psichiatra, un giudice, un avvocato, un manager per dar loro quel punto di vista che oggi, queste professioni, chiedono quasi unicamente ai filosofi o ai letterati. Penso a una psicologia come scienza umana e sociale (mi sono battuto, con il compianto Walter Fornasa per dare al mio dipartimento questo nome). Lo dico perché il mio osservatorio è prettamente clinico, vedo, da ormai trent’anni circa, persone, famiglie, gruppi; insomma soggetti in divenire, aperti alla vita. Spesso in gravi difficoltà; vedo famiglie con pazienti psichiatrizzati da anni, persone migranti o richiedenti asilo, persone con diagnosi psichiatriche diverse, oppure persone che attraversano fasi della vita difficili. Rivedo persone che avevo visto anni prima, che attraversano nuovi momenti di difficoltà, che, come diceva Freud, si fanno rivedere di tanto in tanto; è la parte più appassionante del mio lavoro, la clinica.

– Cosa sta cambiando nel modo di svolgere la professione e cosa ancora dovrà cambiare?

A inizio secolo abbiamo osservato una svolta neo-liberista che ha coinvolto anche la psicologia. I tagli dei costi ai servizi hanno ridotto la psicologia a essere ancella della psichiatria, e la psichiatria a tornare a essere biologica e contenitiva. Una ventata di autoritarismo ha ridotto molti psichiatri a essere distributori di farmaci e molti psicologi ad essere addestratori/somministratori di test. Questo è quello che “il mercato” chiede, così come chiede economisti liberisti, avvocati aggressivi, imprenditori furbi, ecc.
Negli ultimi tempi qualcuno si è accorto che le “guarigioni” facili vantate dalle terapie comportamentali e strategiche sono in gran parte ritiri temporanei dal sintomo e riprese sintomatologiche uguali o peggiori, nel giro di un anno, che gli anti-psicotici, somministrati da molti psichiatri, fanno sparire i deliri, ma dopo molti anni, mantengono le persone in casa isolate, senza relazioni.
Insomma sta succedendo qualcosa! Per ora, i servizi pubblici inviano le persone al privato perché non possono fare più di poche sedute, ma qui e là sta tornando l’interesse per la psicoanalisi e per l’approccio sistemico. Naturale che la psicoanalisi dovrà liberarsi da pratiche costose, ripetitive, di lunga durata; dovrà andare nel sociale, e lo sta facendo. La sistemica non potrà più essere Paradosso e controparadosso, dovrà liberarsi dall’approccio strategico e rioccuparsi del sociale, come nella sua matrice originaria: Gregory Bateson.
Come psicologi, dobbiamo riscoprire il passato e farlo rivivere in un’epoca differente. Ma eviterei toni apocalittici. La nostra epoca è quella che è, con pregi e difetti. Non credo che predicando di madri abbandoniche, di padri assenti o, come va di moda oggi, evaporati, si risolva l’analisi della società contemporanea. Spesso, in questo senso, gli psicoanalisti, più dei sistemici, sono stati troppo conservatori.
Nel futuro vedo uno psicologo colto, sensibile, che frequenta il teatro, il cinema, la letteratura, le filosofia. Una “testa ben fatta” come dice Morin. Abbiamo la necessità di dare dignità alla professione attraverso l’idea sartriana che lo psicologo, come intellettuale, è un tecnico che riflette criticamente sulla propria tecnica.

– Quali bisogni vedi nelle persone che incontri come psicologo, e come sono cambiati in questi anni?

Le persone che incontro sono diverse da quella che incontravo vent’anni fa, non c’è dubbio. Le migrazioni, le richieste di asilo politico, le nuove povertà, i giovani che non trovano lavoro, dove per giovani, oggi, si intende persone di 40 anni.
Incontro, da sempre, per mia passione e interesse, persone psichiatrizzate o che possono entrare in psichiatria, i cosiddetti psicotici: depressioni gravi, paranoie, schizofrenie. Ma incontro anche casi che si stanno diffondendo sempre di più: situazioni familiari complesse come abbandoni scolastici precoci che rischiano di sfociare in crisi psicotiche e ricovero, violenze fisiche dei figli verso i genitori, situazioni di anoressia con ricerca del suicidio, giocatori d’azzardo che mandano in rovina la famiglia, dipendenze da sette o gruppi religiosi fanatici, persone che abusano di psicostimolanti, persone uscite da ricoveri psichiatrici che hanno peggiorato la situazione, che non parlano più, che camminano come zombi, ecc. Insomma i cosiddetti “nuovi sintomi”. La società è cambiata, ci sto scrivendo un libro, se mai uscirà vorrei intitolarlo “Sistemi psicotici”‘ si tratta di uno sviluppo delle cose che ho scritto in questi anni per Doppiozero.
La modernità era un mondo lavorativo, la post-modernità è un mondo performativo. Ho appena comprato a Parigi un libro che si intitola “La siliconizzazione del mondo” di Sadin. L’espressione è significativa, ricorda le conseguenze della silicon valley, il neoliberimo conseguente e descrive la società contemporanea coma una società al silicone, né liquida, né marmorea, una sorta di “muro di gomma”. La quarta dice: La Silicon Valley non è solo un territorio, è  anche e sopratutto uno spirito, che sta colonizzando il mondo.
Sia quel che sia, qual è il compito di uno psicologo? Io credo che bisogna ricordare i versi di Blake: “Il bene si fa nei minuti particolari”. Lo psicologo ha il compito di creare libertà nei momenti singolari della vita, allargare i micro-spazi della democrazia. L’incontro psicologico ha, come prima condizione, la creazione dell’incontro stesso. Qualcuno la chiama empatia, va bene, purché si pensi che per crearla bisogna darci dentro, che l’empatia non è una cosa che si possiede, ma qualcosa che si ricrea solo dentro il legame, che è singolare. L’assenza di una riflessione di questo tipo nelle università rende lo psicologo una figura debole; allora ecco la pletora di tutti coloro che gli fanno concorrenza tagliando l’angolo. Se fossi uno dell’ordine, mi batterei per cambiare in modo radicale i programmi universitari e per fare entrare gli psicologi in psichiatria come figure chiave, non sottoposte agli psichiatri, con funzioni direttive, chiamando i servizi psichiatrici servizi di psicologia clinica. Che è diverso dal farsi il proprio “servizio psicologico” per spartirsi il potere. Ma queste sono battaglie contro i poteri forti e a volte, conviene di più prendersela con i mentecatti che leggono la mano, o il piede, per strada…
– Ognuno ha dei punti di riferimento. Quali sono i tuoi a livello professionale?

Ho imparato l’approccio sistemico da Luigi Boscolo e Gianfranco Cecchin negli anni Ottanta, dico approccio e non modello perché, a me, Luigi e Gianfranco non hanno mai spiegato un modello, mi hanno mostrato un approccio nel vivo della clinica. Sto cercando di farlo anch’io oggi, nello stesso posto dove l’ho imparato il Centro Milanese di Terapia della Famiglia, da noi definito, con una metonimia, via Leopardi. Lì batte il mio cuore, oggi che ho l’onore di dirigerlo, più ancora, non voglio deludere i miei maestri che stanno in Paradiso, o sull’Olimpo, né gli allievi, che scelgono questa scuola per la clinica nel vivo e non per approccio ideologico.
Però ho molti riferimenti psicoanalitici, oltre a tre analisi personali, insegno Psicologia dinamica e mi occupo da anni delle interconnessioni tra sistemica e psicoanalisi. Lavoro con amici e colleghi freudiani, junghiani, lacaniani, gestaltisti, psico-drammatisti, gruppo-analisti, ecc.
Non credo ci siano compartimenti stagni tra questi approcci. Collaboro con tutti quelli che hanno voglia di pensare la clinica e la psicologia nel vivo della relazione. Mi sento più vicino a uno psicoanalista ferencziano che a un sistemico strategico, ricordo sempre che Bateson non entrò mai al MRI di Palo Alto e frequentò i circoli psicoanalitici, facendo anche un’analisi junghiana. Sono forse oggi il sistemico più vicino alla psicoanalisi, prima di me lo è stato Luigi Boscolo che ha fatto a New York l’analisi con Ackerman e con Arieti.
Ecco: per me la terapia e la consulenza psicologica consistono nella creazione della relazione con l’altro della terapia. Nel linguaggio psicoanalitico userei l’espressione di Bollas: l’inconscio del soggetto in terapia incontra l’inconscio del terapeuta; sul piano sistemico uso il concetto di Mony Elkaim: risonanza. Concetto bellissimo, musicale.
– Mi dici un libro che si dovrebbe assolutamente leggere?

Difficile! Parliamo di saggistica, lasciando perdere la letteratura, la poesia e il teatro (che sono fondamentali). Bisognerebbe leggere….. Gergory Bateson e Mary Catherine Bateson, Dove gli angeli esitano. Il titolo è già una rivelazione.

Pietro Barbetta: è Direttore del Centro Milanese di Terapia della Famiglia, insegna Teorie psicodinamiche all’Università di Bergamo, membro di World Association for Cultural Psychiatry (WACP) e di International Society for Psychological and Social Approach to Psychosis (ISPS), tiene seminari presso altre Scuole di specializzazione in psicoterapia a orientamento psicoanalitico e sistemico. Ha lavorato in vari paesi europei, nord e sudamericani. Ha curato Le radici culturali della diagnosi (Meltemi, Roma) e, con Enrico Valtellina, Louis Wolfson Cronache da un pianeta infernale(manifestolibri, Roma). Ha scritto Anoressia e isteria (Cortina, Milano), Figure della relazione(ETS, Pisa), Lo schizofrenico della famiglia (Meltemi, Roma), I linguaggi dell’isteria (Mondadori Università, Milano), Follia e creazione (Mimesis, Milano), La follia rivisitata (Mimesis, Milano).

SE VUOI RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E LE NOVITA’ DELLA PROFESSIONE CLICCA QUI

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Dialoghi

Psicodiagnosi e Personalità. Dialogo con Luigi Abbate sul test PAI

The following two tabs change content below.
Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole. Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management. Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti. Da Febbraio 2014 sono Presidente dell'Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all'interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

 

Continuiamo questo viaggio, in partnership con Hogrefe, nel mondo dei test psicologici e della psicodiagnosi con questo dialogo insieme a Luigi Abbate, psicologo e analista di formazione junghiana. Insieme a lui, dialogheremo intorno al test PAI, Personality Assessment Inventory.

IL TEST PAI

Il PAI è un efficace inventario di personalità ateorico, pensato per l’età adulta (dai 18 anni in poi). Una volta effettuata l’anamnesi e l’esame dello stato mentale della persona, può essere somministrato al fine di rilevare informazioni utili per la diagnosi clinica e la pianificazione del trattamento. Si tratta di un inventario di personalità che vanta una lunga tradizione clinica e di ricerca. Il PAI può essere agevolmente somministrato e compreso anche a soggetti con basso livello di scolarità, non richiede per lo scoring l’uso di complesse griglie di correzione, ma offre un sistema di calcolo dei punteggi automatizzato, e – per la sua brevità (344 item e ca. 45′ per la somministrazione) ed esaustività diagnostica – è una valida alternativa al MMPI-2.

Applicazioni

Ambito clinico: le caratteristiche del PAI connotano questo strumento come particolarmente utile in un’ampia varietà di contesti clinici, tra i quali: screening diagnostico; psicodiagnosi; valutazione della personalità, anche normale; identificazione del rischio suicidario; valutazione di caratteristiche comportamentali di tipo violento; pianificazione del trattamento. In particolare, appare particolarmente utile nel contesto psicodiagnostico più ampio in ragione del bilancio costo-efficacia, inteso come rapporto fra la mole di informazioni che è possibile raccogliere rispetto al tempo impiegato per l’autosomministrazione.

Ambito forense: particolarmente utili ai fini di perizie o altri usi giuridici sono – oltre alle scale cliniche utili per l’inquadramento diagnostico – sono le scale di controllo: InconsistenzaInfrequenzaImpressione NegativaImpressione Positiva e altri indicatori di simulazione e malingering utili per questo tipo di valutazioni. Proprio per queste specifiche caratteristiche il test ha trovato negli Stati Uniti e in altri paesi ampie applicazioni in ambito giuridico.

QUI per maggiori informazioni sul test

 L’intervista con Luigi Abbate

D. “Dobbiamo liberare noi stessi e la nostra professione dall’idea dell’assessment psicologico come attività tecnica semispecializzata, condotta da persone leggermente schizoidi che sarebbero diventati terapeuti se soltanto le fossero piaciuti gli esseri umani quanto i numeri”: è una citazione di Stephen Finn che sintetizza il passaggio dalla visione dell’assessment centrata sul test alla visione dell’assessment centrato sulla persona. Quali sono state in psicodiagnosi, le implicazioni del passaggio dal modello psicometrico al modello clinico dell’assessment?

R. Forse la frase di Finn andrebbe contestualizzata in quello che è stato il suo tentativo di trasformare l’assessment in un Therapeutic Assessment. Nella mia esperienza ho incontrato colleghi che si occupavano di test e comunicavano solo con un computer il che, tuttavia, non è sempre vero. Personalmente faccio l’analista junghiano e la maggior parte dei miei allievi sta facendo una formazione come psicoterapeuta o è già psicoterapeuta. Nonostante io faccia l’analista junghiano, non mi sono mai appassionato a un test interpretativo e ho sempre pensato che non sono le tecniche ad essere proiettive ma che questo è un possibile approccio alla loro interpretazione. Forse il percorso è all’inverso: dal clinico allo psicometrico, ed è solo passando attraverso lo psicometrico che si può fare una clinica sostenuta da evidenze. La personalità del clinico è assolutamente importante, fondamentale, ma se non passa attraverso una “certezza psicometrica” rischia di andare per strade difficilmente percorribili, e soprattutto approda in posizioni difficilmente difendibili. Senza scivolare necessariamente in estremismi psicometrici, un assessment con strumenti empiricamente e psicometricamente sostenuti è fondamentale.

D. Come riesce a integrare la pratica psicodiagnostica, fatta notoriamente di struttura, regole e oggettività, con l’approccio junghiano, dove la relazione e la soggettività assumono un ruolo di primo piano?

La sua domanda è certamente pertinente, in realtà stiamo parlando di due lavori diversi. A volte scherzando, ma non del tutto, dico che posso permettermi due stanze dove ho organizzato setting diversi: in una faccio l’analista, nell’altra faccio valutazioni e test. In realtà sono due realtà così diverse che non c’è il rischio che si possano confondere l’una con l’altra, si confondono solo se chi le fa è confuso lui, o sostiene un approccio impressionistico al test.

D. Sebbene abbia radici antiche, nel DSM-5 sembra che acquisisca più concretezza il dibattito tra analisi della personalità secondo il modello categoriale e secondo il modello dimensionale. Cosa pensa dei due modelli?

R. La diagnosi psichiatrica è inevitabilmente categoriale, mentre quella psicologica non può che essere dimensionale. Semplificando al massimo, potremmo dire che un approccio categoriale consente ai clinici di comunicare tra loro e di riconoscere che la persona ha un qualche disorder, anzi, per continuare a seguire la terminologia anglosassone, una disease. Un approccio dimensionale invece ci mette di fronte a una definizione che è più vicino al concetto di illness che è il vissuto di quella persona che ha quella disease. Una diagnosi DSM è basata prevalentemente su segni e sintomi. Parafrasando Robert Bornstein, uno studioso americano che si occupa di assessment, potremmo dire che l’approccio categoriale consente di comprendere la patologia del paziente, mentre quello dimensionale di capire la persona con quella patologia. Di fatto, nella pratica clinica abbiamo bisogno di entrambi gli approcci. Non possiamo peraltro dimenticarci che grandi sforzi sono stati fatti con il PDM-2 per rendere più diffuso un approccio dimensionale

D. Quando si parla di assessment di personalità, in molti casi si nota un forte scetticismo verso i test proiettivi e le prove grafiche. Tuttavia, i test cognitivi e i self-report da soli non possono accedere a quelle componenti dinamiche della personalità meno consapevoli. Perché c’è ancora questa difficoltà ad integrare metodi diversi di valutazione?

R. Mi perdoni, la sua domanda parte da posizioni oramai superate, forse ancora diffuse ma superate. In un momento di grande crisi della psicologia e di “attacchi armati” nei confronti dei test da parte di una componente di “psicologica scientifica”, alla fine degli anni 90 del secolo scorso, l’American Psychological Association (APA) ha commissionato a un gruppo abbastanza nutrito di clinici (Meyer, ecc.) di fare il punto sull’utilizzo dei test. Il gruppo ha prodotto un documento finale che si pone come un discrimine tra un prima e un dopo; tra le tecniche proiettive tout court e i test cognitivi e i self-report. Di fatto non esistono e non sono mai esistite le tecniche proiettive, come accennavo prima, quello che ci ha sviato è stato l’aver confuso la tecnica con l’approccio interpretativo, e l’approccio proiettivo è uno dei possibili approcci, ma non l’unico. Hermann Rorschach non aveva pensato alle sue macchie come una tecnica proiettiva, tutt’altro. L’approccio proiettivo di fatto è senza regole, è fortemente impressionista e basato su “costrutti ipotetici” poco verificabili, insomma tutto nelle mani del clinico che si affida a una teoria della personalità, quella a impostazione psicodinamica che, tuttavia, non è l’unica teoria né è abbastanza forte da dominare sulle altre. Da quando nel 2001 Greg Meyer, Stephen Finn e altri hanno pubblicato una fondamentale rassegna sull’evidenza del testing e dell’assessment psicologico, l’approccio ai test ha cambiato registro, anzi potremmo dire che è cambiato il paradigma: si è passati (in parte si sta cercando ancora di passare), con grandi sforzi, dal paradigma interpretativo a quello empirico, 

 D. Parliamo del Personality Assessment Inventory (PAI): come è strutturato e come supporta il professionista nella psicodiagnosi?  

R. Nonostante sia un test pubblicato nel 1991, verrebbe da dire che è un “test di ultima generazione”. L’autore, Leslie C. Morey, ha cercato di fare un salto in avanti rispetto ad alcune caratteristiche di altri self-report, soprattutto rispetto a quelli che sono certi difetti, primo tra tutti la sovrapposizione di item tra le diverse scale, problema che nel PAI non si presenta. Si tratta di un self-report che offre informazioni più attuali rispetto alla psicopatologia odierna. La parte interessante sono le scale che ci consentono di valutare l’approccio del soggetto, le cosiddette scale di validità, e tutti quegli indici secondari che consentono di intercettare con maggiore facilità i tentativi di alterare la risposta. Di particolare interesse e utilità è il rapporto tra scale e sottoscale, ognuna di fatto è indipendente. Per esempio, un costrutto complesso come può essere la Depressione è il risultato di tre aspetti diversi, espressi nel PAI dalle sottoscale: perché il clinico possa fare una diagnosi di depressione è necessario che non solo la scala Depressione sia oltre il cut-off, ma che anche tutte le tre sottoscale abbiano superato la soglia di significatività. Di contro, le sottoscale viaggiano anche autonomamente e non sono necessariamente l’espressione del costrutto di riferimento. Facciamo un altro esempio, la sottoscala BOR-S (Autolesionismo) è una delle quattro sottoscale della scala BOR (Caratteristiche Borderline); essa evidenzia comportamenti impulsivi e pericolosi. Per esempio, si alza con facilità in chi gioca d’azzardo rischiando i propri beni, ma chi gioca non è necessariamente un borderline, piuttosto ha una caratteristica che hanno anche i borderline, senza per questo esserlo.

Inoltre, la modalità di risposta secondo una scala Likert a quattro punti consente al soggetto di definire meglio il suo vissuto e al contempo offre al clinico la possibilità di cogliere le sfumature: non solo se un comportamento o un vissuto ci sono, ma “quanto” ci sono.  

D. Nella sua esperienza, con quali altri test può essere integrato il PAI per una valutazione di ampio respiro della personalità?

A un self-report non può che corrispondere, come diremmo col linguaggio di oggi, uno strumento performance based. Il self-report è l’idea che il soggetto ha di sé, per quello che riesce a capire di sé e ha deciso di comunicare, e va messo a confronto con quello che uno strumento diverso, con inferenze indirette, pensa di quel soggetto. Sì, proprio così: quello che lo strumento pensa del soggetto. Se prendiamo ad esempio il Rorschach secondo il Comprehensive System di Exner, compito del clinico è somministrare e siglare bene, poi il resto lo fa l’algoritmo interpretativo sotteso al sistema; solo successivamente interviene il clinico che rielabora le informazioni che vengono dal test, le mette insieme con le altre informazioni che ha, comprese quelle extra-test, per arrivare ad una descrizione coerente e funzionale della persona valutata.

D. Oltre alle scale di validità, cliniche, di trattamento e interpersonali, il PAI presenta degli ulteriori indici che si basano su particolari combinazioni di punteggi di scale o su funzioni discriminanti. Ci può parlare del valore di questi indici? 

R. Le scale di validità come si è sempre detto e saputo sono l’elemento fondante di qualsiasi self-report, è il loro andamento che ci consente di dare un senso al profilo che segue. In questo potremmo dire che il PAI è un self-report di seconda generazione. Nel PAI sono infatti presenti una serie di indici, costruiti attraverso alcune costanti, e un indice di regressione che consentono di dare maggiori indicazioni su alcune condizioni specifiche. Ci sono indici che consentono di inferire più direttamente aspetti di difesa o di malingering, ma ci sono anche indici che consentono di inferire potenzialità comportamentali non direttamente riferite dal soggetto: ad esempio, l’indice su un potenziale di violenza o sulla potenzialità al suicidio.

 D. Il PAI dà la possibilità di interpretare secondo un sistema di codici?

Si, Morey ha proposto un’interpretazione sia per configurazioni rappresentate da codici e sia attraverso configurazioni specifiche frutto di un accorpamento di scale e sottoscale diverse, per definire una configurazione clinica che non è esplicitata direttamente da una specifica scala. Per esempio, nel PAI c’è una scala che definisce il disturbo antisociale di personalità che è il risultato di tre componenti diverse rappresentate da specifiche sottoscale; mentre non esiste, per esempio, una scala per il disturbo narcisistico, tuttavia sappiamo che questo può essere inferito da tre sottoscale che rappresentano caratteristiche tipiche di questo disturbo: MAN-G (Grandiosità), DOM (Dominanza) e ANT-E (Egocentrismo). Queste configurazioni, tuttavia, non sono ancora disponibili per l’edizione italiana del PAI, ma speriamo lo siano presto.

D. Essendo approdato in Italia piuttosto recentemente, sul PAI non ci sono ancora tanti studi italiani, specie relativamente all’ambito forense. Esso però ha, a livello internazionale, una lunga storia in questo settore. Ci parla del potenziale applicativo del PAI in contesto forense?  

R. Direi che, pur non essendoci ancora in Italia una casistica ampia sull’uso in ambito forense, avendo il PAI, più di 25 anni di storia sono tuttavia molti i lavori che ne sostengono l’utilizzo sia in ambito carcerario sia in contesti medico-legali o giuridici. In un incontro tra colleghi che nell’ultimo anno hanno utilizzato il PAI in contesti diversi è emerso come esso ben si adatti all’ambiente giuridico, per le caratteristiche peculiari del modo di valutare l’interpretabilità del protocollo e le interferenze intenzionali di alterarne i risultati. Per esempio, la coppia di scale interpersonali consente di definire uno stile di relazione che va al di là del semplice sapere se uno si relaziona o meno, e questa è certamente un’informazione utile in tutti quei contesti in cui è in gioco il parenting, o la relazione di coppia.

 D. Il report del PAI presenta due cut-off: uno a 70 punti T e quello indicato dal cosiddetto “skyline”. Ci parla di queste due prospettive interpretative?

Lo skyline è certamente uno degli aspetti più interessanti del grafico in cui sono espressi i risultati del PAI.  Vediamo se sinteticamente riesco a spiegarlo in maniera chiara: è come se fossero sovrapposti due campioni, quello generale non clinico e quello clinico. Il campione generale si esprime attraverso il grafico rappresentato dai punteggi ottenuti dal soggetto e questo ci consente di capire quanto questo devia rispetto alla media della popolazione generale non clinica; lo skyline sovrapposto, esprime l’andamento della popolazione clinica e definisce due deviazioni standard dalla sua media. Quindi, contemporaneamente, noi possiamo vedere sia come il soggetto si distanzia dalla popolazione generale sia come si colloca rispetto a quella clinica. Forse un esempio ci aiuta a capire meglio. Due deviazioni standard dalla media sono il cut-off convenzionale per considerare il punteggio d’interesse rispetto alla specifica scala, mentre due deviazioni standard del campione clinico corrispondono ad un innalzamento diverso. Le due deviazioni standard del campione clinico per la scala DEP (Depressione) hanno una corrispondenza nel campione clinico a 91, quindi se il nostro soggetto ha una DEP che si pone tra 70 è 91 è più depresso della media della popolazione generale, mente se si pone a 95 non solo è più depresso della popolazione generale ma è anche più depresso nel riferimento con la popolazione clinica: in questo caso il report fornisce un’informazione importante rispetto alla reale gravità del suo essere depresso.

Luigi Abbate, psicologo, analista di formazione junghiana, insegna Fondamenti di psicodiagnostica clinica presso la scuola di specializzazione in Psicologia Clinica di Sapienza Università di Roma e Psicodiagnostica dell’età evolutiva e dell’adulto alla LUMSA di Roma. Vicedirettore del Master Universitario di II livello in Psicodiagnostica e Valutazione Psicologica del Consorzio Humanitas-Lumsa di Roma, è autore di numerosi lavori sulla psicodiagnostica e l’assessment e, insieme a P. Porcelli ha recentemente pubblicato, IRorschach Comprehensive System. Manuale di siglatura e interpretazioneRaffaello Cortina Editore.

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Alessandro Lombardo

Dialoghi. Isabel Fernandez, EMDR, Traumi Infantili e Trauma Symptom Checklist for Young Children (TSCYC)

The following two tabs change content below.
Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole. Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management. Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti. Da Febbraio 2014 sono Presidente dell'Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all'interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

Dieci dialoghi sull’utilizzo dei test della pratica clinica dello psicologo. Una serie di incontri che, grazie alla collaborazione con Hogrefe, ci permetterà di parlare e approfondire l’utilizzo  di test e di strumenti di misurazione utilizzati nelle nostre prassi professionali. Saranno dieci dialoghi su dieci ambiti differenti, avremo quindi la possibilità di porre lo sguardo su una molteplicità di contesti professionali molto amplio.

Iniziamo questi  Dialoghi insieme ad Isabel Fernandez.  

Dialoghi. Isabel Fernandez, EMDR, Traumi Infantili e Trauma Symptom Checklist for Young Children (TSCYC)

Isabel, vorrei partire in questo nostro dialogo dal tempo che ci circonda, dagli episodi come l’attacco terroristico di Barcellona. Questa sembra essere davvero e purtroppo una peculiarità del vivere nel nostro tempo, e questi eventi, dall’11 settembre in poi, sembrano ormai segnare il nostro quotidiano. Questi eventi sono di certo a forte valenza traumatica. Cosa significa quindi vivere immersi in questo clima?

Bambini e adulti vengono a conoscenza dei contenuti traumatici e visualizzano le immagini-shock, attraverso i media, in una situazione di esposizione passiva, che genera in loro un grande senso di impotenza. Assistendo a questi avvenimenti, che irrompono nella routine quotidiana e che colgono impreparati, si perde quel senso di sicurezza legato alla prevedibilità degli eventi e si modifica la rappresentazione di sé e del mondo. L’esposizione a questi attentati ripetuti nel tempo genera un senso di allarme, poiché attiva le parti emotive del cervello, responsabili delle reazioni primitive di difesa di fronte alla minaccia di vita (attacco, fuga o immobilizzazione).


 

Chi viene esposto ad eventi così traumatici quando può davvero riuscire a ricucire lo strappo che un trauma del genere crea, specie nei casi di minori o bambini?

Intanto la sicurezza del bambino dipende quasi esclusivamente dalle reazioni degli adulti di riferimento. I bambini, quando si sentono in pericolo, ricorrono alle figure di riferimento per ottenere rassicurazione. Spesso gli adulti, nel tentativo di proteggere il bambino, lo tengono all’oscuro dei fatti e tendono a normalizzare e banalizzare quello che accade. Dare informazioni realistiche e semplici, coerenti con l’età del bambino, è un ottimo modo per facilitare la comunicazione, permettere al bambino di fare domande e comprendere le reazioni di paura. Se i bambini sono poi esposti direttamente ad esperienze critiche è utile normalizzare le reazioni nella fase acuta e trattare precocemente il bambino per prevenire il disturbo post-traumatico. I bambini possono superare molto bene qualsiasi trauma quando gli adulti, genitori, insegnanti e terapeuti, sanno cosa fare in ogni fase dopo un evento critico. L’associazione EMDR Italia è intervenuta gratuitamente in molte situazioni catastrofiche e la ricerca ha evidenziato che un intervento precoce ripara completamente le ferite dell’anima.

Da anni, l’EMDR Italia si occupa del trattamento di diverse psicopatologie e problemi legati sia ad eventi traumatici sia a esperienze più comuni che tuttavia possono risultare emotivamente stressanti. Quali possono essere gli esiti dell’esposizione ad eventi traumatici nello sviluppo cognitivo, psichico e affettivo di un bambino? Quando si può parlare a tutti gli effetti di Disturbo Post-Traumatico da Stress?

Se un bambino viene esposto a un singolo evento traumatico e non viene supportato, nell’elaborazione, dagli adulti di riferimento, può sviluppare il Disturbo Post-Traumatico da Stress. I sintomi post-traumatici nel bambino possono essere raggruppati in quattro categorie: sintomi intrusivi, evitamento, alterazioni negative di pensieri ed emozioni, iperarousal. I sintomi intrusivi riguardano la risperimentazione del trauma attraverso ricordi, sogni ricorrenti o flashback. Nei bambini, si evidenziano nel gioco ripetitivo o nel disegno, in cui ripropongono tematiche e informazioni annesse al trauma. L’evitamento si riferisce allo sforzo di non richiamare l’evento traumatico alla mente e di non frequentare luoghi o persone che lo ricordino. Le alterazioni negative di pensieri ed emozioni si riferiscono allo sviluppo di convinzioni negative su di sé, alla persistenza di emozioni negative, alla difficoltà di provare interesse per attività che in passato erano piacevoli, al distacco ed estraniamento. Nei bambini, possiamo osservare difficoltà a relazionarsi coi pari o scarso interesse per il gioco. L’iperarousal indica uno stato perenne di ipervigilanza, con reattività estrema a stimoli innocui e facile irritabilità e difficoltà di concentrazione. Nei bambini possiamo notare la comparsa di comportamenti iperattivi o di esplosioni di collera, calo nel rendimento scolastico, e negli adolescenti si possono verificare comportamenti a rischio e autodistruttivi. Nel bambino piccolo, inoltre, si possono verificare delle regressioni a tappe di sviluppo precedenti, cioè può tornare a succhiare il dito, può perdere il controllo degli sfinteri precedentemente acquisito, può presentare ansia e crisi di pianto al distacco dalle figure genitoriali, chiedere la presenza dell’adulto per addormentarsi, necessitare di essere imboccato per mangiare. Quando i traumi avvengono in un età precoce all’interno dell’ambiente familiare e sono ripetuti nel tempo, come nel caso di trascuratezza, abusi, maltrattamenti e violenza domestica, non si può parlare di PTSD, ma si parla di disturbo traumatico dello sviluppo, cioè l’impatto traumatico riguarda l’intero sviluppo cerebrale, con ripercussioni importanti a livello cognitivo, affettivo, relazionale e anche a livello fisico, dando luogo a vere e proprie patologie mediche, come hanno dimostrato gli studi condotti su vasta scala tra il 1995 e il 1998 da Vincent Felitti e collaboratori sugli eventi avversi infantili.

La durata nel tempo, l’intensità o la natura del trauma infantile hanno una ripercussione sulla sintomatologia mostrata dal bambino e sugli eventuali esiti di trattamento?

La probabilità di sviluppare una sintomatologia post-traumatica aumenta se i traumi sono ripetuti nel tempo, se l’esposizione al trauma è diretta o se c’è una stretta vicinanza fisica al luogo dell’evento o alle persone che stanno subendo un evento traumatico. Inoltre, i traumi che predispongono maggiormente allo sviluppo di PTSD nel bambino riguardano la morte o il rischio di morte, l’assistere alla violenza o all’abuso sessuale di un genitore. Come ho detto precedentemente, nel caso del disturbo traumatico dello sviluppo, i traumi sono ripetuti e spesso vengono perpetrati dalle stesse figure di accudimento, per cui tutto lo sviluppo del bambino ne risente e la durata del trattamento è più lunga. Gli esiti della terapia dipendono sempre anche dal coinvolgimento dei genitori nel trattamento con EMDR e dalla messa in sicurezza del bambino, in un ambiente in cui i suoi bisogni vengano soddisfatti.

Il trattamento del trauma infantile viene condotto individualmente con il bambino o necessita del supporto di eventuali figure adulte di riferimento?

Come dicevamo in precedenza, gli esiti delle esperienze traumatiche nei bambini dipendono fortemente dalle reazioni degli adulti di riferimento. Nella nostra esperienza gli interventi più efficaci sono stati quelli dove il trattamento con EMDR è stato promosso sia sui bambini che sui genitori. Il volto preoccupato di un genitore traumatizzato aumenta il rischio di traumatizzazione nel bambino. Quindi l’EMDR sarebbe molto più efficace se potesse essere esteso ai genitori. Non è però necessaria la presenza del genitore mentre il bambino viene trattato con EMDR ad eccezion fatta della fascia 0-3 anni, quando cioè il piccolo non ha una completa capacità di descrivere l’evento sia perché è in un’età preverbale ma anche perché spesso il ricordo è frammentato e non ordinato nella memoria episodica.

Come viene effettuato l’inquadramento diagnostico di un soggetto in età evolutiva che si suppone abbia sperimentato un trauma infantile? Si utilizzano test?

Per un corretto inquadramento diagnostico, sono necessari dei colloqui con i genitori o con gli adulti che si prendono cura del bambino e delle sedute di valutazione con il bambino stesso. Con i genitori si esplorano la sintomatologia attuale, insorta dopo l’evento traumatico più recente, e la possibile presenza di eventi traumatici pregressi che sono in qualche modo collegati. Si ripercorrono, inoltre, la storia di sviluppo del bambino, i cambiamenti di vita importanti avvenuti nella famiglia, la relazione col bambino, le maggiori difficoltà nel gestire i suoi comportamenti e la eventuale presenza di traumi nella famiglia allargata e nelle tre generazioni. La presenza di eventi traumatici familiari e trans-generazionali costituisce, infatti, fattore di vulnerabilità per lo sviluppo di sintomi post-traumatici nel bambino, come ormai è dimostrato dalla ricerca scientifica. Le sedute con il bambino si svolgono utilizzando, oltre al dialogo, il gioco e il disegno, per poter comprendere i vissuti emotivi attraverso il canale espressivo, più agevole per il piccolo, rispetto al canale verbale. Nell’ambito dei primi incontri, sia ai genitori, che al bambino, posso essere somministrati dei test di valutazione.

Quanto, in questo caso, possono essere utili o attendibili i report compilati da genitori o caregiver?

Nella nostra esperienza i report non sono solo attendibili ma anche efficaci per misurare i risultati e confrontarli con le risposte pre-trattamento. Possono essere anche uno strumento utilissimo ad orientare l’osservazione del genitore che potrebbe minimizzare alcuni comportamenti del bambino e/o enfatizzarne altri. Invece, i questionari danno il giusto orientamento al genitore, aiutandolo a rendersi conto degli esiti di un’esperienza traumatica e contemporaneamente a riconoscere i risultati raggiunti dal proprio figlio dopo un intervento mirato sull’esperienza traumatica.

La Trauma Symptom Checklist for Young Children (TSCYC) è un questionario, compilato dai genitori, che consente di ottenere una valutazione approfondita della sintomatologia post-traumatica acuta e cronica manifestata dai bambini sino ai 12 anni. Perché ha scelto di inserire questo test nell’ambito del vostro protocollo diagnostico? Quali informazioni cliniche è possibile ricavare dalla somministrazione della TSCYC?

Questo questionario è stato inserito nel protocollo diagnostico per varie caratteristiche. Innanzitutto ha una sensibilità specifica per i sintomi del trauma e alle difficoltà relative a queste esperienze. Inoltre, è agevole, perché si può compilare in un breve tempo di circa 15-20 minuti, è standardizzato per tre diverse fasce d’età, e questo è importantissimo nell’età evolutiva, in cui si verificano grandi cambiamenti nel giro di pochi anni. È un questionario attendibile, poiché contiene tre scale di validità al suo interno e consente di valutare diverse categorie di sintomi: ansia, paure e senso di pericolo; vissuti depressivi; rabbia; evitamento ed iperarousal tipici del PTSD; sintomi dissociativi; preoccupazioni sessuali, utili in casi di sospetti abusi.

Può la TSCYC essere utilizzato in riferimento a bambini molto piccoli, a partire dai 3 anni di età. Esiste effettivamente una casistica di utilizzo così giovane? Si può lavorare sul trauma già in età prescolare?

L’EMDR è un metodo efficace per il trattamento di bambini anche molto piccoli utilizzando una stimolazione diversa da quella oculare poiché bambini molto piccoli (solitamente entro i 4/5 anni) non riescono a seguire i movimenti oculari. Mentre il genitore racconta l’evento traumatico, il terapeuta fa una stimolazione bilaterale sulle mani o i piedi del bimbo (taping). L’intervento precoce non solo previene il rischio di disturbi come il PTSD, il disturbo traumatico dello sviluppo, il disturbo reattivo dell’attaccamento e l’ADHD, ma è un fattore di protezione importante per una crescita sana sia dal punto di vista emotivo che cognitivo. Il trauma precoce infatti non dà esiti solo sulla psiche del bambino, ma ha un impatto importante sullo sviluppo del suo cervello. Esistono quindi casistiche di bambini trattati in questa fascia di età e la TSCYC è un ottimo strumento per bambini cosi piccoli

Le scale cliniche di cui la TSCYC si compone consentono di individuare spunti per la progettazione dell’intervento? Come vengono trattati i risultati delle due scale di validità previste dal test?

Sicuramente, i punteggi ottenuti nelle varie scale cliniche consentono di orientarsi rispetto all’area maggiormente compromessa dall’evento traumatico e quindi di indirizzare l’intervento terapeutico in maniera più mirata, ma soprattutto ci consente di cogliere il punto di vista del genitore sul disturbo del bambino e di capire quanto sia vicino o distante dall’idea del clinico e dall’idea che il bambino stesso ha del proprio disturbo. Attraverso le scale di validità, infatti, può emergere la tendenza del genitore a sottovalutare problemi del bambino, anche fisiologici, e quindi la sua tendenza a negare i bisogni del figlio o il suo bisogno di presentarlo come un bambino eccessivamente competente. Si può osservare, al contrario, la tendenza a riportare sintomi inusuali del bambino, derivante da uno stato mentale di estrema difficoltà del genitore o dalla necessità di rappresentare un bambino particolarmente disturbato e sintomatico.

Che accoglienza avete riscontrato da parte delle persone a cui viene richiesto di compilarlo?

Ottima accoglienza. Il questionario è semplice e comprensibile e gli adulti di riferimento del bambino sono disponibili a compilarlo.

Sappiamo che hai in progetto un libro con Hogrefe, che uscirà l’anno prossimo: puoi anticiparci di cosa tratterà?

Il libro sarà uno strumento utile per i terapeuti ma anche per i pazienti per comprendere quelli che sono i sintomi maggiormente correlati alle esperienze traumatiche. Sarà utile a tutti a capire come l’EMDR possa essere la risposta non solo per il PTSD ma per ogni sintomo del paziente. In linea con le recenti ricerche (ACE’s e studi su epigenetica), i sintomi del paziente sono sempre collegati ad esperienze non elaborate che si traducono in convinzioni negative su se stessi, emozioni disturbanti e sensazioni fisiche che rischiano di disorganizzare lo sviluppo e le relazioni con un impatto a medio e lungo termine.

Ecco un’ulteriore intervista in video:

IL TEST TSCYC

Dati il considerevole numero di bambini vittimizzati e i molti sintomi negativi associati a tale violenza nella nostra cultura, c’è un bisogno pressante di valutare i bambini per le difficoltà connesse al trauma.

Per saperne di più, clicca QUI

La TSCYC ha attendibilità e validità sufficienti per sostenerne il suo impiego come test clinico per i sintomi psicologici dei bambini traumatizzati. Può essere utilizzata nei casi in cui si abbia il sospetto che il bambino abbia subito un trauma o possa essere stato esposto a un evento traumatico, nonché in tutte quelle situazioni in cui i bambini sono esposti a condizioni ambientali di rischio.

Lʼesame dei punteggi delle singole scale della TSCYC evidenzia le aree specifiche nelle quali il bambino può manifestare la sintomatologia e tali informazioni possono essere particolarmente utili per la progettazione dell’intervento clinico.

Per saperne di più, clicca QUI

 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla News Letter

La nostra newsletter mensile con una selezione dei migliori post


Dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy del sito

Iscriviti alla Newsletter se vuoi restare aggiornato sulle novità e sui progetti che porto avanti

Seguimi su Facebook

Continue Reading

Iscriviti alla News Letter

La nostra newsletter mensile con una selezione dei migliori post

Dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy del sito

Più letti

Articoli recenti

Prodotti in vendita

Più letti