Connect with us

ordine psicologi piemonte

DGR 30: Psicologi e residenzialità psichiatrica

Nessuno tra gli psicologi che opera con altre mansioni sarà licenziato. La normativa prevede che chi da almeno due anni opera in questo settore, potrà continuare ad operare senza nessuna riqualifica.

Qualche giorno fa è stata approvata dalla giunta la Dgr 30 che revisiona tutto il comparto della residenzialità psichiatrica. Un iter molto lungo e discusso. Personalmente, da febbraio 2014, ho iniziato a lavorare sulla questione. Il tema che veniva fuori come urgenza era di certo un problema di impianto, definiamolo culturale della Dgr, ma anche di aspetti occupazionali dovuti al possibile licenziamento di molti operatori che ormai da decenni erano impiegati in questo settore. Le stime parlavano di circa 1500 operatori di cui, 5-600 psicologi assunti con mansioni differenti.

Anni di esperienza di colleghi e colleghe che rischiavano di pagare molto caro questo miope aggiornamento della normativa. Dopo un lungo lavoro, e lunghe contrattazioni, possiamo dire che la questione è stata recepita nella nuova delibera.

 

Nessuno tra gli psicologi che opera con altre mansioni sarà licenziato come si è detto. La normativa prevede che chi da almeno due anni opera in questo settore, potrà continuare ad operare senza nessuna riqualifica. Di seguito, lo stralcio del testo che riguarda gli psicologi:

In relazione ai fabbisogni assistenziali degli utenti, si ritiene che gli operatori rientranti nelle tipologie dettagliate dal punto 5 al punto 8, possano contribuire, al fine di garantire la continuità assistenziale, al raggiungimento del monte orario previsto nei requisiti gestionali per le strutture S.R.P.1, S.R.P. 2 (livello 1 e 2) ed S.R.P. 3 (24 ore, 12 ore, fasce orarie), definiti nel presente provvedimento per le figure professionali dell’Educatore Professionale e del Tecnico della Riabilitazione psichiatrica, purché alla data di approvazione del presente provvedimento risultino in servizio e siano in possesso di una certificazione rilasciata dal datore/i di lavoro che attesti una esperienza in tali strutture di almeno 2 anni.

Rimangono molte questioni che andrebbero riviste in questa dgr, ma in ogni caso vanno ringraziate molte persone per aver messo tempo e forze in questa delicata questione.

In primis i consiglieri regionali Andrea Appiano, Ravetti Domenico, Nino Boeti e Davide Gariglio.

Un grazie anche a Davide Bono e Stefania Batzella, con i quali si è condiviso un pezzo di percorso.

Un grazie va poi ai colleghi Diego Menchi, Antonio Celentano, Massimo Nastasio. So che forse loro sono tra quelli molto scontenti dell'esito finale, ma ciò non toglie, anzi, che il loro lavoro sia stato prezioso e necessario per questo piccolo ma importante risultato.

Si conclude un percorso di quasi 3 anni dedicato ad evitare che molti colleghi e colleghe perdessero il posto di lavoro per una miopia istituzionale. E gran parte di questo lavoro è avvenuta nell'ombra. Non sempre è possibile esternare tutti passaggi che avvengono in queste complesse situazioni. Ma tant'é.

Ti potrebbe interessare

Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole.

Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management.

Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino

Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti.

Da Febbraio 2014 sono Presidente dell’Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all’interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

ordine psicologi piemonte

Festival Psicologia Torino | Quante Storie | 7-9 aprile 2017

Torino capitale della psicologia 

Al via la terza edizione del Festival internazionale della Psicologia

(7 /9 aprile 2017)

QUANTE STORIE!

Su questa affermazione si confronteranno i tanti ospiti della rassegna fra cui Moni Ovadia, Pupi Avati, Luigi Cancrini, David Le Breton, Giuseppe Culicchia, Stefania Belmondo, Domenico Iannaccone, Paolo Giordano, Fabio Veglia.

Dopo il successo delle due passate edizioni torna a Torino il Festival internazionale della psicologia che si svolgerà in varie location del capoluogo subalpino dal 7 al 9 aprile.  (altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Alessandro Lombardo

Dialoghi. Lo psicologo di domani. Luca Pezzullo

Di certo, ragionare con Luca su temi di vision viene semplice. Insieme abbiamo lavorato in Enpap proprio ad un gruppo di lavoro con questi obiettivi di analisi degli scenari. Poi, facciamo parte entrambi di Altrapsicologia che - questioni politico professionali a parte -  è forse l'unico contenitore professionale che si pone il tema dello sviluppo, dell'innovazione sia degli apparati istituzionali sia della professione in sé.

Ecco perché viene semplice parlare con Luca di questi temi, ed ecco a voi il nostro dialogo. (altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Corsi di formazione

Tre Workshop di Criminologia: si comincia il 5 marzo

L’Ordine degli Psicologi del Piemonte in cooperazione con UNICRI Agenzia delle Nazioni Unite, e CBT Academy,  ha organizzato tre conferenze, tenute da esperti mondiali di ‪#‎psicologia‬‪#‎forense‬ con Prof. Peter J. van ‪#‎Koppen‬, Prof. Antony ‪#‎Beech‬ e il Prof. Pekka‪#‎Santtila‬.

La psicologia forense è un’area della psicologia applicata che si occupa dei processi psicologici coinvolti nella commissione di un crimine, nell’investigazione, nel processo giudiziario e nella valutazione e riabilitazione dell’autore di reato Gli incontri proposti costituiranno un percorso di approfondimento sulle tematiche del comportamento criminale, dell'impiego della psicologia nell'investigazione e degli aspetti psicologici del processo penale.

I workshop sono aperti a psicologi, studenti di psicologia, giurisprudenza e medicina, avvocati e medici. Gli Psicologi si possono iscrivere dall'area riservata del sito OPP. Per gli altri, è necessario iscriversi compilando il form sulla pagina dell'evento sul sito OPP.

La ricerca della verità nel processo penale: gli effetti del sistema legale e degli aspetti psicologici.

Data: 05/03/2016

12790863_1027452377293150_2731075295985306651_n

 

 

 

 

 

 

 

 

dalle 9:30 alle 13:00 presso Nuova Aula Magna d'Ateneo Cavallerizza Reale via Verdi 9 Torino

Relatore. Prof. Peter J. Van Koppen Psicologo e Professore Ordinario di Psicologia Legale alla Facoltà di Giurisprudenza di VU University Amsterdam. Autore di 35 libri, 125 articoli pubblicati in riviste scientifiche peer review e 100 capitoli ospitati in diversi libri.

Descrizione. Come ogni attività umana anche il processo penale è affetto da errori. Commettere un errore in questo caso può significare assolvere un colpevole o condannare un innocente. Nel corso della presentazione saranno analizzati come le peculiarità di un sistema legale e gli aspetti psicologici possano condurre a commettere un errore.

Per iscriverti CLICCA QUI

Perchè alcune persone commettono crimini violenti? La comprensione neurobiologica dei fattori di rischio e le implicazioni per il trattamento.

Data: 09/03/2016

11701026_1027500680621653_8802396894183624827_n

Dalle 9.30 alle 13 presso Nuova Aula Magna d'Ateneo, Cavallerizza Reale via Verdi 9 - Torino

Relatore. Prof. Antony Beech Professore  Ordinario in  Psicologia  Criminologica  Direttore del  Centre for  Forensic and  Criminological Psychology Università di Birmingham. Autore di oltre 180 articoli pubblicati in riviste scientifiche peer review, 50 libri e 100 capitoli in diversi libri.

Descrizione. Il nostro cervello è organizzato e scolpito dalle esperienze. La ricerca mostra che precoci esperienze negative (nelle fasi pre e perinatali), nell’infanzia e nell’adolescenza, interagendo con il genoma e il corredo neurobiologico, possono provocare atipiche organizzazioni morfologiche delle strutture cerebrali che, a loro volta, possono essere la causa di comportamenti criminali violenti. Nel corso della presentazione si illustrerà come la conoscenza dei fattori di rischio che influenzano negativamente lo sviluppo del il cervello sia il primo passo per delineare efficaci protocolli di trattamenti degli autori di crimini violenti.

Per iscriverti CLICCA QUI

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Più letti