Connect with us

Corsi di formazione

ECM per i liberi professionisti? CNOP Decide di si

11040918_10206857354532903_7440144543955092976_n

Ripubblico un mio articolo pubblicato sul sito di Altrapsicologia sulla questione degli ECM per i liberi professionisti.

A questo link (clicca qui), puoi trovare la posizione ufficiale espressa del consiglio dell'Ordine Psicologi Piemonte, nella quale si ribadisce che:

Posto l’obbligo della formazione continua per tutti gli psicologi, riteniamo che il sistema ECM non sia adatto alle necessità di una categoria come quella degli psicologi. Porre con forza all’attenzione dei Ministeri competenti la specificità della nostra categoria, per esempio rafforzando l'impegno per l'attivazione del sistema FCP (Formazione Continua in Psicologia), deliberato dal precedente Consiglio proprio come proposta alternativa agli ECM per i liberi professionisti, è quello che ci saremmo attesi da un CNOP che, per quanto è dato leggere nell’ultimo comunicato presente sul sito, è rimasto due anni in silente attesa che i Ministeri decidessero per la categoria.

PARTECIPA ALLA CAMPAGNA NO ECM !!!

 Sei uno psicologo iscritto ad un Ordine territoriale pubblicamente contrario agli ECM, ma vuoi comunque manifestare il tuo sconcerto in merito alla questione ECM?

Sei uno studente di Psicologia o un Dottore in Psicologia non ancora iscritto all’Albo?

Potete inviare una email direttamente al CNOP a questo link:

CLICCA QUI


 

ECM per i liberi professionisti? CNOP Decide di si. di Alessandro Lombardo

Quello dei crediti ECM (Educazione continua in Medicina) per gli psicologi liberi professionistiè argomento di vecchia data.La posizione di Altrapsicologia è sempre stata chiara e la possiamo così riassumere:

fermo restando l’obbligo deontologico (e di legge) alla formazione permanente da parte di ogni psicologo, l’obbligo degli ECM per i liberi professionisti non sussiste.

ECM a misura di chi?

Occorre rendersi conto che il sistema ECM, è stato creato a misura di medico/infermiere, e di qualunque altra professione sanitaria incardinata nel sistema pubblico, psicologi inclusi. Questo significa in sostanza che, al sacrosanto obbligo all’aggiornamento formativo permanente dei professionisti sanitari pubblici, nei fatti, per il dipendente pubblico/convenzionato ci pensa direttamente l’azienda sanitaria. Discorso a parte andrebbe fatto per i medici, dove anche le aziende farmaceutiche offrono a loro volta possibilità di accumulare crediti ECM gratuitamente.

In ogni caso, in entrambi i casi, non vi è un aggravio dei costi a carico del singolo professionista, ma tali costi vengono assorbiti dall’azienda sanitaria.

 

E per gli psicologi liberi professionisti?

Peccato è tutto ECM. La notizia è che, per la prima volta in 20 anni di professione, compare in un documento del Consiglio dell’Ordine del Psicologi (CNOP), vestendosi quindi di nuda e cruda ufficialità (nelle parole peraltro del nostro presidente nazionale Fulvio Giardina) che gli ECM saranno obbligatori presto per tutti gli psicologi, anche i liberi professionisti.

Nota bene – per non creare allarmismi -

al momento non vi è nessuna necessità di correre ad accaparrarsi ECM!

Cito però – testualmente – il verbale ufficiale della seduta CNOP del 27 e 28 febbraio 2015:

ecm

p15 “Il COGEAPS ha a che fare con l traghettamento al Ministero della Salute, che avrà ricadute sul fatto che tutti gli psicologi dovranno maturare crediti ECM o FCP. Alessandro Lombardo chiede perché allora si sta (sic!) aspettando a definire gli standard formativi per gli psicologi, Giardina risponde che in futuro tutti gli psicologi necessiteranno di crediti ECM e che si resta in attesa della validazione del regolamento da parte del ministero della salute”.

Il dado è tratto. A quanto pare, la vision del CNOP, della maggioranza di questo CNOP, è di traghettare tutta la professione verso il sistema ECM, non comprendendo per nulla le evidenti difficoltà che questa opzione (mi sforzo ancora di chiamarla in questo modo), riverserebbe sulla quasi totalità della comunità professionale. Un traghettamento inevitabile si dirà, che segue a ruota il passaggio sotto il controllo del Ministero della Salute ma allora, cosa ci stanno a fare i massimi organi rappresentativi di una professione se non quella di rappresentarla? Se non per rappresentarne presso tali organi, giusto a titolo di esempio che:

  1.  Non è tutta sanità. Sebbene si stia concludendo il passaggio verso le professioni sanitarie all’interno quindi del controllo da parte del Ministero della Salute gioverebbe ricordare come non tutta la professione è professione sanitaria. ECM anche per tutti i colleghi che lavorano come psicologi dello sport, del lavoro e delle organizzazioni, nel terzo settore?
  2. Altri costi per gli psicologi. Ad una professione già agonizzante dal punto di vista economico e dai redditi medi individuali decisamente bassi, si verrà ad aggiungere un ulteriore costo, quello dell’accumulo dei crediti ECM.

Sulle spalle dei liberi professionisti.

Ancora una volta, le grandi scelte politiche sulla professione, e ormai dovremmo esserne abituati da circa 20 anni di governo dell’AUPI e di chi li sostiene come in questo CNOP, vengono fatte sulle spalle dei liberi professionisti.

E gli FCP? Nel precedente quadriennio CNOP si era proposto un regolamento apposito, che prevedeva la creazione di un sistema a “misura di psicologo”, i tanto declamati FCP (Formazione Continua per Psicologi). Era stato quindi redatto un regolamento apposito che, dopo alcune revisioni, era stato inviato per l’approvazione dai ministeri competenti.

La vision – fortemente sostenuta da Altrapsicologia – era ed è che gli psicologi incardinati nel servizio pubblico dovessero e potessero continuare con il sistema ECM (per ovvi motivi), per tutti gli altri, e giova ricordare che sono la stragrande maggioranza degli psicologi italiani, si doveva creare un sistema apposito di crediti che mettesse nelle condizioni anche i singoli Ordini regionali di poter creare un sistema di erogazione a misura di psicologo, a basso costo, prevedendo il rilascio dei crediti FCP per tutte quelle attività che sono già norma per la gran parte degli psicologi, per esempio, le supervisioni.


Una maggioranza silenziosa
.

Un po’ di spazio va poi speso per descrivere le modalità di partecipazione durante i consigli del CNOP da parte dei presidenti dei vari ordini regionali.

Nei fatti, durante i consigli, dei 22 presidenti di ordini regionali, prenderanno la parola giusto in 7 o 8. Di alcuni in presidenti, a parte i saluti di rito, durante i consigli non si è mai sentito proferire parola, anche quando venivano discussi temi centrali per la professione e per gli 84 mila professionisti che siamo chiamati a rappresentare. Temo, ma vorrei sbagliarmi, che questo non proferire parola non sia propriamente un problema di timidezza nel public speaking. Cosa vorrà dire dunque questo silenzio da parte del massimo organo di governance della professione?

Ecm in silenzio per tutti. Su questo specifico punto per esempio, oltre al presidente e al tesoriere CNOP ho preso parola io, a nome dei tre presidenti di Altrapsicologia, ma mi sarei aspettato una partecipazione molto più serrata anche solo per la portata di una linea politica di questo tipo visto che, circa il 90% degli 84 mila psicologi sono liberi professionisti.

Per capirci, in CNOP si sta decidendo dell’90% dell’intera categoria, e non abbiamo nulla da dire come presidenti? A quanto pare è così.

Ma, questo clima, è purtroppo caratterizzante di questo primo anno di CNOP. A malincuore e soprattutto con enorme preoccupazione, debbo appurare quanto vi sia una totale mancanza di una visionpolitico-professionale comune per la professione da parte di questa maggioranza la quale, sembra invece procedere per somma di singoli pezzi e silenzi per somma di interessi parziali che, messi insieme, non possono che creare caos.

Questo è, se ci pare.

-------------------

Ti potrebbe interessare

Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole.

Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management.

Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino

Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti.

Da Febbraio 2014 sono Presidente dell’Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all’interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

Continue Reading
1 Comment

1 Comment

  1. Luca Panero

    7 giugno 2015 at 9:26 am

    Ma domanda: i membri del CNOP vivono sul Pianeta Terra come tutti quanti noi? Hanno un’idea reale della situazione economica del Paese, delle difficoltà di tutti noi professionisti? Mi sembra che siano nella situazione monarchica francese pre-rivoluzione, in cui Maria Antonietta, a seguito dell’informazione per cui il popolo stava protestando perchè non aveva il pane, rispose candidamente “E perchè non mangiano le brioches?”. Gli ECM avrebbero senso soltanto se gratuiti per TUTTI e soprattutto per gli psicologi che effettivamente lavorano in campo sanitario.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alessandro Lombardo

Design Thinking Lab | 6-7 ottobre a Torino

Il Design Thinking Lab è un laboratorio esprenziale che svolgo a Torino per la prima volta sulle metodologie del Design Thinking.

Se svolgi una professione dove ti servono tecniche e tool per il lavoro in gruppo e individuale, se nella tua professione hai necessità di acquisire strumenti e tecniche per lo sviluppo di nuove idee, per migliorare il lavoro in gruppo, per generare maggior collaborazione, il Design Thinking Lab può darti molti spunti.

(altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Corsi di formazione

Tre Workshop di Criminologia: si comincia il 5 marzo

L’Ordine degli Psicologi del Piemonte in cooperazione con UNICRI Agenzia delle Nazioni Unite, e CBT Academy,  ha organizzato tre conferenze, tenute da esperti mondiali di ‪#‎psicologia‬‪#‎forense‬ con Prof. Peter J. van ‪#‎Koppen‬, Prof. Antony ‪#‎Beech‬ e il Prof. Pekka‪#‎Santtila‬.

La psicologia forense è un’area della psicologia applicata che si occupa dei processi psicologici coinvolti nella commissione di un crimine, nell’investigazione, nel processo giudiziario e nella valutazione e riabilitazione dell’autore di reato Gli incontri proposti costituiranno un percorso di approfondimento sulle tematiche del comportamento criminale, dell'impiego della psicologia nell'investigazione e degli aspetti psicologici del processo penale.

I workshop sono aperti a psicologi, studenti di psicologia, giurisprudenza e medicina, avvocati e medici. Gli Psicologi si possono iscrivere dall'area riservata del sito OPP. Per gli altri, è necessario iscriversi compilando il form sulla pagina dell'evento sul sito OPP.

La ricerca della verità nel processo penale: gli effetti del sistema legale e degli aspetti psicologici.

Data: 05/03/2016

12790863_1027452377293150_2731075295985306651_n

 

 

 

 

 

 

 

 

dalle 9:30 alle 13:00 presso Nuova Aula Magna d'Ateneo Cavallerizza Reale via Verdi 9 Torino

Relatore. Prof. Peter J. Van Koppen Psicologo e Professore Ordinario di Psicologia Legale alla Facoltà di Giurisprudenza di VU University Amsterdam. Autore di 35 libri, 125 articoli pubblicati in riviste scientifiche peer review e 100 capitoli ospitati in diversi libri.

Descrizione. Come ogni attività umana anche il processo penale è affetto da errori. Commettere un errore in questo caso può significare assolvere un colpevole o condannare un innocente. Nel corso della presentazione saranno analizzati come le peculiarità di un sistema legale e gli aspetti psicologici possano condurre a commettere un errore.

Per iscriverti CLICCA QUI

Perchè alcune persone commettono crimini violenti? La comprensione neurobiologica dei fattori di rischio e le implicazioni per il trattamento.

Data: 09/03/2016

11701026_1027500680621653_8802396894183624827_n

Dalle 9.30 alle 13 presso Nuova Aula Magna d'Ateneo, Cavallerizza Reale via Verdi 9 - Torino

Relatore. Prof. Antony Beech Professore  Ordinario in  Psicologia  Criminologica  Direttore del  Centre for  Forensic and  Criminological Psychology Università di Birmingham. Autore di oltre 180 articoli pubblicati in riviste scientifiche peer review, 50 libri e 100 capitoli in diversi libri.

Descrizione. Il nostro cervello è organizzato e scolpito dalle esperienze. La ricerca mostra che precoci esperienze negative (nelle fasi pre e perinatali), nell’infanzia e nell’adolescenza, interagendo con il genoma e il corredo neurobiologico, possono provocare atipiche organizzazioni morfologiche delle strutture cerebrali che, a loro volta, possono essere la causa di comportamenti criminali violenti. Nel corso della presentazione si illustrerà come la conoscenza dei fattori di rischio che influenzano negativamente lo sviluppo del il cervello sia il primo passo per delineare efficaci protocolli di trattamenti degli autori di crimini violenti.

Per iscriverti CLICCA QUI

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Corsi di formazione

Il Welfare dei Caregiver familiari: conferenza internazionale

headercarer-1

Il termine caregiver familiare identifica coloro che volontariamente, in modo gratuito e responsabile vengono in aiuto ad una persona cara in condizioni di non autosufficienza, non in grado, cioè, di prendersi cura pienamente di sé per motivi cognitivi o per specifiche limitazioni fisiche o psichiche. Quando un caregiver ha meno di 24 anni viene definito “giovane caregiver”.  La persona che riceve assistenza è di solito un genitore, ma può anche essere un fratello, un nonno, il partner, un figlio o un altro familiare disabile, con malattie croniche, problemi di salute mentale o altre situazioni (incluso l’abuso di sostanze) che richiedano cura, supporto o supervisione.

Secondo l’Istat in Italia i caregiver familiari sono 3.329.000. I giovani caregiver non sono tanti, ma la loro presenza è molto comune nelle famiglie Europee. Ad esempio, si stima che in Gran Bretagna lo siano il 5,3% dei giovani in quella fascia d’età, in Emilia Romagna il 5,8% delle ragazze e l’ 1,6% dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni presta cura ad un familiare con disabilità. Percentuali simili sono state registrate in Irlanda.

L’Emilia-Romagna è stata la prima Regione italiana ad avere approvato una legge regionale sui caregiver familiari (Legge 2/2014) che prevede, tra l'altro, iniziative di informazione ed orientamento per gli operatori e i cittadini.

In questa ottica viene organizzata dalla società cooperativa Anziani e non solo (www.anzianienonsolo.it), (che si occupa di sostenere i caregiver familiari tramite progetti di ricerca, formazione, auto-mutuo aiuto, sensibilizzazione), nell'ambito del progetto Care2Work, la conferenza internazionale «Superare gli ostacoli: Giovani caregiver (stranieri) in Europa», che si svolgerà il 10 febbraio 2016 dalle 9.00 alle 13.00 nell'Auditorium A. Loria, via Rodolfo Pio 1, Carpi (MO). Sarà un'occasione per confrontare le esperienze dei giovani europei nell'attività di cura e assistenza a un familiare.

ll programma della conferenza internazionale

Per ulteriori informazioni: www.caregiverfamiliare.it  www.associazionecarer.it

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Più letti