Connect with us

Laboratorio Medicina Narrativa

Ospedale senza dolore – Indagine sugli ospedali italiani

opbg-300x236

OSPEDALE SENZA DOLORE - Come gestiscono gli ospedali italiani il dolore dei loro pazienti? Lo scopriamo da un’indagine di Cittadinanzattiva, che ha presentato i primi dati del Progetto “In-Dolore 2014” con l’obiettivo di individuare, collegare e valorizzare gli Ospedali italiani che offrono servizi di eccellenza nel trattamento e attenzione al dolore.

Ne emerge in 8 casi su 10 è presente un apposito spazio sul trattamento del dolore nella cartella clinica, mentre meno frequente (solo 63%) la presenza di spazi per registrare il dolore per persone con difficoltà a verbalizzare (bambini, persone con deficit cognitivi). Le strutture sanitarie, comunque, stanno mettendo a punto programmi di miglioramento: in un caso su 7 si tratta di auditing interni sulla compilazione delle cartelle cliniche; meno frequenti le indagini sui degenti. Sul versante della informazione ai pazienti, risulta che solo il 40% degli ospedali mette a disposizione materiale informativo su ciò che offre l’azienda.

Scarica l'indagine di CittadinanzaAttiva

fonte: http://www.west-info.eu/

Ti potrebbe interessare

Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole.

Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management.

Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino

Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti.

Da Febbraio 2014 sono Presidente dell’Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all’interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Laboratorio Medicina Narrativa

Il primo terremoto di internet: dialogo con Massimo Giuliani

 

Il primo terremoto di internet. Un libro dal collega psicologo Massimo Giuliani. Una narrazione costruita a stanze, a più voci, a partire dall'esperienza vissuta del terremoto dell'Aquila. D'altro canto anche Massimo è aquilano, pur vivendo in provincia di Brescia. Non la storia del terremoto quindi, ma storie che intersecano storie con quel filo rosso che le connette tutte: il web. Ecco perché è il primo terremoto di internet: così lontano e così vicino.

(altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Corsi di formazione

Workshop 4 aprile 2015 -Narrazione e cura: medicina narrativa nei contesti di cura

Narrazione e cura: medicina narrativa nei contesti di cura

Workshop formativo sulle metodologie della Medicina Narrativa

In contrapposizione all’acronimo EBM (Evidence Based Medicine) nasce l’acronimo NBM (Narrative Based Medicine), dove la narrazione della patologia del paziente al medico è considerata fondamentale al pari dei segni e dei sintomi clinici della malattia stessa. Questo modello, sviluppato presso la Harvard Medical School da B.J. Good sottolinea l'importanza delle “storie” nel valutare la qualità delle cure e del rapporto medico-paziente.

  (altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Innovazione Sociale

Medicina della tecnica e medicina delle storie

storie
In occasione del convegno dell’11 e 12 luglio a Catania, ho avuto occasione di presentare il progetto Sostenere il legame: medicina narrative based e rappresentazioni del malessere in sanità, svolto presso l’Arnas Garibaldi di Catania.
Un laboratorio, da me supervisionato, svolto insieme ad un gruppo di  colleghe siciliane, e che ha coinvolto medici, infermieri, fisioterapisti e ostetriche che ha avuto come tema il legame di cura. Un laboratorio che ha visto impegnati gli operatori sanitari nel raccontare le loro storie di cura, le storie dei loro pazienti e del loro stare in contatto con la malattia. Di seguito le slide che raccontano parte del progetto. (altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Più letti