Connect with us

Storie

Storie: I pirati dello spazio

pirati

Ma che ci fanno due torinesi alla Nasa? I pirati dello spazio è un documentario prodotto da una casa torinese (Zenith), con  la regia di tre giovani registi sempre torinesi, Alessandro Bernard, Enrico Cerasuolo e Paolo Cerreto. E' una storia, una di quelle storie da restare incollati alla sedia.

Questa la storia: sul finire degli anni 50' due geniali radioamatori, i fratelli Achille e Giovanni Battista Judica Cordiglia, allestirono a Torino un vero e proprio centro di ascolto spaziale. Usando tecnologie riciclate e da loro stessi adattate, iniziarono a captare suoni dallo spazio. Il 4 ottobre 1957 riuscirono a intercettare per primi i suoni emessi dallo Sputnik 1. Questo straordinario successo fu il primo risultato cui seguirono altre intercettazioni di tutte le principali missioni spaziali realizzate dagli USA e dall'URSS: incluso alcune missioni segrete, in cui alcuni cosmonauti sovietici potrebbero aver perso la vita. Nel mezzo della guerra fredda, mentre le due grandi superpotenze si sfidavano nella corsa allo spazio, pretendendo di controllare le informazioni e la propaganda, due radioamatori, hackers ante-litteram, registravano tutto. Una storia straordinaria che culmina nel 1962 quando i fratelli, dopo aver partecipato al quiz "La fiera dei sogni" di Mike Buongiorno, vinsero un viaggio alla Nasa. 

Un altro modo per raccontare la tanto declamata corsa allo spazio, un bell'esempio di come storie individuali e storie collettive si intersecano in modo spesso insolito. Chi poteva immaginare che la Nasa, lo Sputnik, l'Unione Sovietica, Laika (la prima cagnolina ad andare nel cosmo), e due giovani fratelli torinesi con casa a due passi dalla Mole Antonelliana potevano stare tutti nella stessa storia?

Ti potrebbe interessare

Mi occupo di psicologia, psicoterapia, consulenza e formazione. Appassionato di innovazione, di nuove tecnologie, di sport. Marito di Claudia, e padre di Maya e Sole.

Svolgo attività Da molti anni svolgo attività di consulenza e formazione per aziende e organizzazioni italiane e multinazionali. Tra i miei clienti: Vodafone, Novartis, Essilor, Teva, Coop Italia, Novacoop, Scuola Coop, Gruppo Generali, Poste Italiane, varie Aziende Sanitarie italiane. Per loro, ho svolto progetti di consulenza e sviluppo organizzativo, di formazione e di change management.

Dirigo un centro clinico, il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino ed un Centro dedicato ai percorsi di coppia, il Centro Terapia di Coppia Torino

Svolgo Da febbraio 2013 sono Consigliere di Indirizzo Generale in Enpap. Insieme ai colleghi di Altrapsicologia, abbiamo lavorato questi 4 anni verso obiettivi di sviluppo delle attività di assistenza per gli iscritti Enpap, per tutelare e aumentare le nostre pensioni e per rendere il nostro Ente di previdenza un ente trasparente e al servizio degli iscritti.

Da Febbraio 2014 sono Presidente dell’Ordine Psicologi Piemonte, portando molteplici innovazioni all’interno di un ente che gestisce e settemila colleghi e colleghe. Servizi, Trasparenza, Tutela, Formazione, Promozione, sono stati i nostri punti cardine.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dialoghi

Dialoghi. Piero Bocchiaro. Psicologia del male: dialogo sulla banalità del male

Psicologia del male: dialogo sulla banalità del male

Ho conosciuto Piero Bocchiaro dopo aver letto il suo libro Psicologia del male (Laterza, 2009). Il libro, che ha una prefazione del celeberrimo Phil Zimbardo, lo psicologo sociale che ideò gli esperimenti della prigione di Stanford, ha il merito di raccontare, con un linguaggio semplice e alla portata del grande pubblico, alcuni esperimenti ormai definiti classici della psicologia sociale. Esperimenti che, in questi ultimi anni, a partire dai fatti della prigione di Gauntanamo post 11 settembre, passando per gli abusi di Abu Ghraib, sono tornati prepotentemente alla ribalta per la diversa realtà che ci raccontano su questi ed altri fatti di cronaca. Eccovi il nostro dialogo. (altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Alessandro Lombardo

Cinque domande: Pietro Piumetti – Psicologo. 50 ricette per vivere bene

Pietro Piumetti, che di mestiere fa lo psicologo, che si occupa di invecchiamento, tra l'insegnare, il lavorare, il camminare, scrive anche. Questo suo ultimo libro, è un libro differente dagli altri. Vivere bene si può. 50 ricette per vivere meglio, è il suo titolo. Ora, è vero, a qualcuno verrebbe da storcere il naso al pensare ad una ricetta per vivere, figurati per vivere bene. Ma - c'è sempre un ma - io, son tra quelli cui piace cucinare. Le ricette me le leggo, me le cerco, me le invento e, sopratutto, le chiedo.

(altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

E-Book

E-book – Pensierini: Storie Cliniche in forma di Pensierini

Ogni storia, è storia a sé

Nel mio lavoro di psicoterapeuta sono molte le storie che incontro, che ascolto, che vivo. Storie che hanno come narratori singoli uomini o donne,  coppie, o intere famiglie. Ecco quindi che nel mio studio prendono forma piccoli e grandi drammi, amori e disamori, tragedie e gioie. Immergermi in queste storie, diventarne in parte autore, è in fondo il mio lavoro.  (altro…)

Ti potrebbe interessare

Continue Reading

Più letti